16 aprile 2009

A DA PASSA' LA NUTTAT..

Punto per punto le mie "vacanze" Pasquali:

1) Mia madre ha passato tutto il tempo nel letto immobilizzata per coliche epatiche...la prossima settimana le toglieranno la cistifellea..

2) Sono arrivati ospiti e parenti previsti e non previsti, di cui ci siamo occupate io e mia sorella senza sosta provvedendo a: lavaggio piatti, rifacimento letti, cucina, lavatrici e stiraggi...

3) Abbiamo sentito due terremoti pre-notturni..che non sono nulla, però mi hanno fatto pensare alla povera e orgogliosa gente Aquilana che ancora e ancora deve convivere con la paura e la precarietà...e chissà per quanto tempo...

4)In tutto questo mio padre ha passato il fine settimana sottolineando ogni tre per due e davanti a tutti i suddetti ospiti e parenti, come le mie due sorelle siano dei figurini mentre io sono un botolo ambulante ED E' (testuali parole) INDISPENSABILE DIMAGRIRE...
(e menomale che in questo ultimo mese ho perso 4 chili, su di me evidentemente tali perdite non si notano neppure)...

5) Ho subito 15 giorni di ritardo mestruale che mi hanno fatto davvero uscire di senno...però ora è tutto a posto (tranne per il fatto che sono cinque notti che mi contorco dal dolore.... e non DORMO)

Unica cosa buona e saggia: ho letto questo libro, regalatomi da una cara amica per Pasqua....è bellissimo e mi ha fatto bene (ma perchè poi nonl'ho letto prima?)
Qualcuno mi sa dire se devo comprare il seguito (in realtà sono altri quattro libri..) o posso fermarmi qui?



Comunque, tornando a noi, onde evitare il tedio e la negatività che da troppi post regnano su questo blog, vi lascio per un pò...

Che palle...

6 commenti:

Kaishe ha detto...

he significa "vi lascio per un po'?"
Stai qui, con noi a chiacchierare delle nostre cose...
Critiche comprese, che rinforzano l'anima (me lo sono detta per tanti anni e non c'ho mai creduto... infatti mi viene ancora da piangere quando mia mamma fa un complimento a una mia sorella o cugine... perchè la frase di solito finisce con "Mica come te!".
In ogni modo. Pure io ho letto tutto un libro il giorno di Pasqua. Inframezzandolo con la Santa Messa, visite ricevute (parenti del marito) ed effettuate (la mia mamma, appunto).
Però era triste e alla fine ho chiuso l'ultima pagina in lacrime.
Che buon umore, vero?
Ciao ciao

PENNYB ha detto...

Kay , non ti preoccupare, chiacchiererò sempre con voi..appena possibile..ma di scrivere ora non mi va proprio...aspetto e spero tempi migliori...

grazie come sempre di esserci..

Lipodotata ha detto...

Di tutto quello che leggo la cosa che mi dà veramente fastidio è che tuo padre possa aver detto "indispensabile dimagrire"....

PENNYB ha detto...

E' sempre stato così Lipo..da quando sono ingrassata (anno 2001..) anche quando era moribondo in un letto di ospedale lui mi ha guardato e mi ha detto...madonna è indispensabile dimagrire....ho sofferto..ma con la maturità ho imparato a conviverci e a pensare con la mia testa...e ho imparato a non vedermi solo come una persona grassa ma come una donna che ha fatto mille scoperte, mille errori, ed è passata attraverso le gioie e le sofferenze della vita...a testa alta..senza aggrapparsi a nessuno..e ne vado fiera...però sai quando l'esaurimento galoppa non è semplice tenere a bada la lingua di mio padre...

Ti abbraccio Lipo...

ladycoraggio ha detto...

Eh, non c'è male...
Tuo padre non lo capisco proprio, ma leggo che ormai sai com'è fatto e riesci a difenderti bene. Tua mamma l'ho nel cuore, come si dice qui...anche io, tanti anni fa, sono stata operata per lo stesso motivo e ricordo fin troppo bene cos'è una colica epatica...:(
Spero che il momento down ti passi presto e che torni a scrivere con la freschezza con cui fai di solito...
Un bacino!

Paola dei gatti ha detto...

aoò dove vai? torna un pop' qui?
se la cosa può farti ridere ti racconto il primo giorno di scuola dopo le vacanze (ed era il 16, non le 17). premessa, lavoro in un istituto privato , quindi al pomeriggio, dopo le lezioni di solito ho lezione privata lì o in un centro studi, e alcune sere (come giovedì) le serali: orario di inizio delle lezioni 8.30. la preside ed il direttore, madre e figlio proprietari della scuola, sono a Dubai a trovare la figlia e sorella che vi risiede, a scuola le due abilissime segretarie di lungo corso ed il personale insegnante, altrettanto di lungo corso (per fortuna c'è un'enorme affiatamento)tra le 8 e le 8.15 tre insegnati danno forfait per ragioni diverse (una 15 di ore in totale (è una grossa scuola con vari indirizzi), senza il serale, pertanto le due segretarie cooptano tutti gli insegnanti in arrivo, (compresa la sottoscritta)riempendo le ore buche, nel frattempo le segretarie identificano due insegnanti in giorno di riposo (una a casa l'altra, architetto, nell'ufficio che gestisce col marito)e, per accelerarne la venuta (entrambe dovrebbero prenddere un bus) una delle segretarie salta in macchina e va aprelevarle a domicilio (altrochè precettazione!), la mattina riesce a filare liscia, finchè una ragazza, verso le 12,30, ha un fortissimo attacco premestruale, chiama di volata il prof di informatica (mio ex allievo)che fa da almeno 10 anni volontariato in croce rossa, primi soccorsi chiama la croce rossa e, nel frattempo arriva comprensibilmente agitata la mamma della fanciulla... quando pare tornata da calma, telefona da dubaj la preside ed elisa,una delle segretarie, calmissima e sorridente (come se ci forsse un video telefono) fa:-sta tranquilla, sandra, qui va tutto liscio come l'olio!- risate soffocate dei presenti! a questo punto, esco a pranzo con mio marito.. suona il cellulare , è carla, lì'altra seggretaria che mi fa- ma...c'è qui la chiara per la lezione...- al che dico a mio marito: finisci la bistecca mentre pago che devo catapultarmi a sciuola e decollo (avevo erroneamente buttato via il foglio su cui segno gli appuntameti delle lezioni). grazioso pomeriggio a sorpresa coi fanciulli che arrivano secondo orari che non ricordo (ieri pomeriggio ero al centro studi e QUEL promemoria c'era ancora!)poi serali! a metà pomeriggio telefonas il figlio della preside, al quale deve essere parso strano che filasse tutto "liscio come l'olio" dicendo all'altra segretaria:- carla; mi dica la verità-(non è normale che al verga fili tutto liscio!) e così è venuto a sapere del caos mattutino, la storia dell'ambulanza aspetta madre e figlio lunedì mattina, al loro rientro... però, vedi, non ci si annoia mai1 per di più, la scuola è messa su tre piani , e, quindi, è impossibile non mantenersi in perfetta forma fisica (anche perchè, spesso, non resta il tempo per il rituale toast co cappuccino dell'1.30), inoltre ci si diverte moltissimo con gli svarioni degli studenti e si costruiscono amicizie durevoli nater dagli stati di necessità... che vuooi di più?