25 giugno 2010

SCENE PIETOSE

Protagonisti:
1) la sottoscritta, che chiameremo sononera per comodità (e perchè come altro accidenti dovremmo chiamarla dopo quello che è successo)
2) Il bambino Francesco, uno splendido fanciullo decenne rumeno che ho conosciuto lungo la strada del lavoro e a cui OGNI GIORNO compro il gelato o lascio qualche regalino monetario pur sapendo che forse so soldi buttati.
Lui lo chiameremo bambino paraculo.

Scena: io e colleghe durante la pausa pranzo di una giornata lavorativa da mandare ai pazzi.

Bambino Paraculo: Ciao , ho voglia di uno yogurt frozen , mi dai quattro euro..dai dai dai....

Sononera: ma come 4 euro, ti ho dato 2 euro proprio ieri, e ..vabbè tieni, vai a comprarti il gelatone yogurtoso, che oggi fa caldo e quello ti rinfresca..

Bambino Paraculo: graziegraziegrazie

Dopo un quarto d'ora, bambino paraculo con la panza piena, torna all'attacco..

Bambino Paraculo: ciao..ho preso il gelato piu' grande, quello da cinque euro..manca un euro, glielo vai a portare tu?

Sononera: che cosa? ma dico io , so come li fanno i gelati quelli della Yogurteria qui vicino, sono giganti, saziano pure un uomo adulto di un metro e novanta, e tu volevi proprio il formato gigante?

Bambino paraculo: ma io ci volevo i frutti di bosco sopra, e quelli venivano un euro di piu'..

Sononera (con gli occhi a forma di cuoricino): ah vabbè, dai che poi ci passo io dal gelataio, non ti preoccupà..

Colleghe: tu sei scema..

Bambino paraculo: ma dico io , tu hai già finito di mangiare? il tuo piatto è vuoto? le tue amiche stanno ancora mangiando e tu hai già finito?

Sononera: eh, sì , perchè io ho preso solo un'insalata, le mie amiche un piatto di tonnarelli cacio e pepe, per cui è evidente che io ho finito prima di loro...e poi c'AVEVO UNA FAME!!

Bambino paraculo: AAAHHHH!!! E' PER QUELLO CHE SEI COSI GRASSA! (con ulteriore gesto delle braccia aperte a mo di ali di gabbiano e rigonfiamento esplosivo delle guance per sottolineare la cosa)

Colleghe: senza parole, hanno iniziato a mangiare alla svelta...

Sononera: LEVATI DAL MIO COSPETTO, DA OGGI NON TI DARO' PIU' NEANCHE UN CENTESIMO...TE LO PUOI SCORDARE...COME, IO TI HO NUTRITO DI GELATI PER TRE MESI, E TU , DISGRAZIATO MI  INSULTI DANDOMI DELLA GRASSA, E PURE RIDENDO?????


Una volta pronunciate queste parole mi sono sentita un grosso verme, ma Dio bono, l'espressione contenta di bambino paraculo mentre mi diceva che mi vede come una mucca ( e sì sa i bambini dicono sempre la verità...) mi ha fatto MALISSIMO...

Non lo so, alla fine le amiche reali, le amiche virtuali, i genitori, le colleghe , gli ex compagni di liceo, ti potranno anche dire tutte le parole belle del mondo sul fatto che sì, sei un pò cicciabomba, ma alla fine sei bellissima lo stesso..poi arrivano botte come questa e a me casca il mondo addosso. SERIAMENTE PARLANDO..

Mi sono sentita come lei in questa scena :

E il bello è che lei..è molto piu' magra di me...

16 commenti:

wasperina ha detto...

Secondo me hai fatto bene a dirglielo... almeno un pò di tatto per chi ti aiuta. Santo cielo.
Avrei fatto uguale uguale.

pollywantsacracker ha detto...

guarda, hai fatto strabene, sarà anche un bambino ma è un gran maleducato, e poi, saranno anche la bocca della verità ma hanno una percezione della realtà un po' sfasata. davvero. a me dicono "mamma che belle tittone" e ti giuro che nella prima sto larga...un bacio solidale!

the girl in the sky with diamonds. ha detto...

Che stronzetto!

Paola dei gatti ha detto...

giuro che mi sono fatta una bella risata (scusa!scusa! scusa!) e che me la sarei fatta anche se l'interessata fossi stata io! troppo bella la scena!

Anonimo ha detto...

Splendido racconto! Complimenti: verve, ritmo, scrittura. Un saluto
Luci

ziamaina ha detto...

Commento cattivo di cui mi assumo tutta la responsabilità: che il bambino fosse stronzo si era già capito e quello che ti ha detto è coerente con la sua natura merdosa.
Spero tu abbia imparato la lezione: la prossima volta tieni i soldi per te e usali a tuo favore, non per ingrassare un tale maleducato che oltretutto non ti è neppure riconoscente (io col ca--o che gli davo i soldi!).
E poi mi chiedono perché amo i gatti e non voglio figli, al di là che il merdino in questione è pure un non italiano e questo la dice lunga sul come certa gente, accolta maldestramente in questo disgraziato paese, non dica neanche grazie per avergli salvato il culo.
Un abbraccio, grande, anzi, extra.
Ma perché sei extraspeciale :-)

Paola dei gatti ha detto...

vent'anni fa, una ragazza che veniva a lezione mi dice parlando di un nuovo professore:- oh! il nuovo prof ... è vecchio....avrà 40 anni! - ed io ridendo di rimando - cristnaaaaaa io HO 40 anni!- ;P

a prposito:il 28 avrò 60 anni!

Paola dei gatti ha detto...

a prposito: non me ne frega nulla di avere 60 anni!

Ginger ha detto...

Anche io do spesso qualcosa per mangiare (quando non sono io stessa a comprare una brioches, spero che almeno li usino per mangiare) e non mi sento affatto stupida o usata :)
Ti capisco benissimo e penso che sia assolutamente normale che tu ci sia rimasta male :( Ma ciò non toglie che tu abbia fatto davvero un bel gesto in questi mesi a prescindere dalla gratitudine (o in questo caso ingratitudine).
Sei generosa e mi piaci.

Paola dei gatti ha detto...

ma non penso che si tratti di gratitudine o ingratitudine4, la gente, non solo i ragazzini, spesso parla a vanvera!
tanto per dirne una: tu sai dell'operazione al seno con conseguente radioterapia, faccio gli esami per iniziare la radio e sono tutti a posto , salvo un valore leggermente spostato (sono ancora in giro gli indicatori del tumore che mi è stato tolto). l'oncologo fior di luminare esce a dirmi -si è tutto a posto aspettiamo a fasciarci la testa- immagina che effetto può avere una frase del genere. faccio la radio, tutto a posto compresi gli indicatori, ora rifaccio i controlli ed è tutto a posto ma io il tizio l'ho mandato a quel paese! non me ne importa nulla che sia amico del marito e un'autorità in materia: impari a parlare! capisco che volesse pararsi il culo ma mi pare che abbia fatto a sufficienxza l'uccello del malaugurio in un momento in cui avrei avuto bisogno un minimo di ottimismo... e tu stai a sentire un ragazzinio?

widepeak ha detto...

uno stronzetto, come tutti i ragazzini. probabilmente io ero uguale e da brava stronzetta da ragazzina ero pure magra. beh. che ci vuoi fare.
ti abbraccio però, ci sarei rimasta male anche io (mia figlia l'altro giorno: "mamma che cosa ti è successo, ti vedo, non so come, più grande" e non ha detto "grassa" o "vecchia" solo perché non le è venuta la parola)

Lipo ha detto...

Brava, del resto lo stronzetto avrebbe finito per ingrassare con tutto quel cibo a sbafo....trovo che tagliargli i viveri sia la cosa più giusta :o)))))

Anonimo ha detto...

Leggo spesso il tuo blog, mi piace e mi sei simpatica, nonche' ti trovo intelligente; fondamentale per piacermi qualcuno.
I bambini sono lo specchio dei genitori e del contesto in cui crescono,la loro non e' una cattiveria che sa di ferire...usano certe espressioni per imitazione.
M'e' successo diverse volte, per svariati motivi di trovarmi di fronte ad uscite del genere ed il bello e' che se dentro ti senti arrivare una coltellata, fuori mantieni quel certo contegno da persona adulta che si confronta con un bambino. In verita' vorresti tanto dargli un ceffone..
Un bambino che cresce insegnandogli cos'e' il rispetto, non lo avrebbe mai detto.
La bambina di una mia amica (lei molto in sovrappeso)era talmente abituata a non fare distinzioni di peso per valutare il suo senso di bellezza che diceva sempre che sarebbe voluta diventare fisicamente come me e la mamma (ci correvano 40kg fra me e la sua mamma, ma per lei era lo stesso, eravamo entrambe belle ed aveva ragione). Le era stato insegnato a riconoscere la bellezza nella diversita'e lo metteva in pratica anche con i bambini con difficolta' a scuola.
Questo esempio (lungo) per annoverare la mia tesi riguardo all'ignoranza e alla maleducazione....dei genitori.
Infine mi dispiace perche' ci si rimane malissimo, ma e' vero anche quello che diceva polly sulla realta' un po' falsata che hanno.

Aries ha detto...

Ribaltarlo, altroché...

Anonimo ha detto...

@Aries: no, fammi capire: SIAMO D'ACCORDO? @@
@sononera: bambino un corno: l'hai foraggiato e viziato neanche fosse tuo. Non ci credo nemmeno morta che fosse in buona fede.

[A proposito, per il matrimonio: capitaa tutte. Davvero. Soprattutto dopo dieci anni. ;) Vita vissuta!]

Anonimo ha detto...

OOOOPS! Sono Tintaglia, approdata quii dalblog di Aries. ^^
E omaggi alla Regina Nera!