15 marzo 2011

CRISI DI IDENTITA' (MA ANCHE VOI, ALLE VOLTE, VI SENTITE COME ME?)

QUESTA SONO IO
Io sono una tipa tranquilla. La classica adulta piu' che trentenne bonacciona di cui parlano come quella saggia, quella affidabile. Sì, lo sono, sono entrambe le cose.

Io sono una che si accontenta sempre. Che non ha mai cercato piu' di quello che ha, da brava fatalista, credo che la vita sia un dono, non so ancora bene di parte di chi,  e già per il fatto di avere questo dono, non occorre per presunzione chiedere di piu'. So che è triste agli occhi di molti, ma sento vicine al mio modo di essere le persone che vivono una vita semplice, che sono curiose, ma non in maniera ossessiva, che sanno guardare il mondo con occhi sempre nuovi, ma anche fermarsi e lasciare che la mente si svuoti e non vada da nessuna parte. Amo la staticità, amo il fatto che spesso sono me stessa solo stando a guardare. L'azione non è sempre la scelta migliore. Anzi, quasi sempre è una forzatura.

Mi guardo allo specchio e vedo una persona con gli occhi grandi e curiosi verso il mondo, un corpo morbido, il seno abbondante e sensuale, il viso delicato e molto raffinato. Mi sento bella. Davvero.

Io vivo esattamente nel posto in cui ho sognato di vivere, da che sono nata. Non avete idea di quanto sia speciale il quartiere in cui abito e la città al quale appartiene. Amo lo smog di Roma, amo la totale imprevedibilità e caoticità della mia città, amo guardare i volti stanchi delle persone sulla metropolitana o sugli autobus al ritorno dal lavoro. Amo i giardinetti poco curati della Garbatella, amo i cortili delle villette a due piani, amo gli alberi in fiore del primo scorcio di primavera. Soprattutto amo guardare il Gazometro al tramonto e trovo che sia una delle cose piu' suggestive della terra. Agevolo foto, così, per farvi capire di cosa sto parlando.


Io adoro indossare scarpe comode. E vestire in maniera semplice, anche se ricercata. Detesto chi viene al lavoro come se fosse una sfilata di moda pacchiana. Detesto chi spende 2000 euro per una borsa o un capo firmato. Ci sono tanti negozi che a poco prezzo vendono cose carinissime, non devo stare a dirvelo io. Amo tantissimo la cura del corpo, ma non credo che bisogna farla coincidere con l'ostentazione. Le mie scarpe preferite sono le all stars, se potessi ne avrei un paio di ogni colore, per il momento mi accontento di un unico modello,con la caviglia alta in total black. Fantastiche.

Credo fortissimamente nella fedeltà di coppia. Ci credo davvero, e l'ho promessa al mio futuro marito. Con tutto l'amore e la dedizione che posso.


MA ANCHE QUESTA SONO IO.

Sono una persona cattiva. Nel senso che ho dei momenti in cui spaccherei la faccia a tutti. Sono una persona invidiosa. Non sono leale, fingo che le cose vadano bene, ma poi , il mio pensiero fisso è: ma tu cosa cazzo ne sai di quello che provo io, della mia crisi interiore profonda e della mia malattia? O VOI, COMUNI MORTALI non potete capire. Nessuno potra' mai capire.

Io non mi accontento mai. Mai. A proposito di magliette da acquistare, me ne potrei far fare una su misura con su scritto: "SONO INSODDISFATTA DI NATURA" e sulla schiena "IL CONFRONTO CON GLI ALTRI MI DISTRUGGE". Vorrei una casa tutta mia, vorrei aver visto mezzo mondo, vorrei trenta chili di meno, vorrei riavere indietro i miei ventanni. Odio la  monotonia inconsistente che non mi fa voler bene a nessuno. E mi fa vivere di merda. Odio la staticità, vorrei tutto tranne stare a guardare, penso che l'azione e il miglioramento di se stessi sia una delle poche cose per cui vale la pena vivere. Vabbè, insieme al cibo e al sesso.

Mi guardo allo specchio e vedo un cesso. Ecco, io amo la parola cesso, perchè quando uno si sente brutto c'è solo un posto a cui può essere paragonato. Il water,e tutto ciò che ad esso è correllato. Vedo la deformità del mio corpo, il doppiomento che spunta da ogni profilo, i fianchi larghi, il ciambellone sotto il seno, la pelle grassa, i capelli completamente ribelli. E vorrei spaccarlo, quello specchio.


Alle volte, durante le mie passeggiate Romane, mi guardo intorno e le case si piegano su loro stesse. Mi chiedo dove è la mia famiglia, mi chiedo cosa ci faccio qui. Sogno i cieli grigi di Londra, sogno di abitare in un paese che fa largo ai giovani, in cui il provincialismo non esiste, in cui la novità e la freschezza sono le prime cose a cui pensare. Sogno di mescolarmi ad altre culture, di parlare un inglese fluente, di non stare ferma dentro questa grande madre che ti risucchia come un vortice. O, ancora peggio, sogno la campagna, i prati verdi e i cieli azzurri, la natura incontaminata, la fresca aria abruzzese, le MIE montagne che brillano. E piango. Molto.

Spenderei billioni di euro in vestiti firmati. Invidio da morire chi ha una collezione di scarpe tacco dodici nell'armadio. Penso che una donna curata nei minimi particolari sia uno spettacolo per gli occhi. Peccato per coloro che non si commuovono davanti ad una vetrina di Chanel o di Prada. Io potrei starci per delle ore.

Credo che la fedeltà di coppia sia un'utopia. Ci si prova, ma lo sguardo sul mondo e le tentazioni sono all'ordine del giorno. Prima o poi occorre che ci si faccia un esame di coscienza. Occorre.

Da questa analisi approfondita del mio essere io arrivo ad una conclusione inequivocabile:

SONO TOTALMENTE PRIVA DI PERSONALITA'

Che tristezza.

Nota dell'autrice da utilizzarsi come promemoria: il passato è passato, è ora di mettersi a dieta.

11 commenti:

Lucy Van Saint ha detto...

Cara, è che sei una pesciolina. Tutti i pesci sono un po' doppi. Un abbraccione!

pollywantsacracker ha detto...

mannò, che priva di personalità! forse sei solo un po' bipolare, come me!

emanuelas ha detto...

ahahaha io so' una gemelli.
e qua mi fermo... ;-)
e.

emanuelas ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lipo ha detto...

Si, mi sento come te...eppure sono un sagittario :o))))))
..."Da tutto ciò possiamo facilmente renderci conto che Yin e Yang non sono considerati elementi contrastanti, bensì complementari e inscindibili.
Bisogna quindi cercare un’armonia fra di loro ed evitare qualsiasi situazione sbilanciata. Tutte le distinzioni sono inoltre relative:
quello che può essere Yin relativamente ad una cosa può contemporaneamente essere anche Yang in rapporto ad un’altra......"

E poi ci sono bianco e nero, buono e cattivo, Inter e Milan.... :o)))

Anonimo ha detto...

Niente da obbiettare.
Una gran bella autoanalisi, credimi non è da tutti.
I pesci sono molto fantasiosi, amano la realtà, ma con un pizzico di fantasia in più.
Ciao 4p

antigone1 ha detto...

Praticamente hai descritto me......una lunatica,bipolare!!!

ziamaina ha detto...

Tesoro, siamo Pesci, dalla testa ai piedi. Anzi, alle pinne...
Un abbraccio...

Susibita ha detto...

Bhè, il più mi pare fatto.
Ora non ti resta che non farle incontrare mai, queste due simpaticone.

Susibita

p.s. mi viene da pensare: ma chi l'ha detto che dev'essere algebrica la cosa? a-a=0.
Magari a-a= +2a, una volta tanto. In barba alla matematica =).

lamiaeco ha detto...

Siamo in tante, nel mondo... tutte un po' affette da questa doppia personalità... le classiche due facce della stessa medaglia.

Cupcakes ha detto...

Ehmannò, sei normalissima tu, solo un po' lunatica forse, solo un po' insoddisfatta quando ti fermi apensare a ciò che non hai piuttosto che a ciò che hai.
E' tutto nella norma. Te lo possiamo garantire in migliaia mi sa!