16 maggio 2011

LE COSE CHE PIACCIONO A ME

....sono stupidaggini buoniste per molti altri. Per me no. Sono la prova che quando una cosa davvero importante e valida merita di essere conosciuta, alla fine verrà conosciuta.  E' matematico.

E siccome Lei è speciale, ma soprattutto, sa scrivere da paura, era giunto il momento in cui qualcuno se ne accorgesse, e le lasciasse raccontare la sua storia ad un pubblico piu' vasto di quello che ha già. E' una storia che ti cambia la vita. E' una storia bellissima. Piena di coraggio.
E' dunque con orgoglio che annuncio che da oggi potete leggere il blog di Anna staccato Lisa anche qui. Ti stimo, sorella, moltissimo.
In bocca al lupo per questa nuova avventura. Io ti leggerò ogni giorno. Fatelo anche voi.


Detto ciò, grazie a Dio, Blogger è rinsavito. Peccato che i miei splendidi commenti del post precedente siano andati miseramente perduti nel pattume, per questo chiederò certamente i danni, state sereni.

Non ho molto da raccontare, a parte che c'ho l'ansia abbestia per la prova del vestito e sono nel panico piu' totale a causa dei preparativi che non vogliono essere preparati da soli, a quanto pare. Io mi domando e dico: se sto così adesso, che manca ancora un buon mese e mezzo, non oso immaginare cosa ne sarò di me il giorno prima delle nozze. Delirio allo stato puro, direi. Ma mi piace l'idea, sì sì sì, dato che sono abbastanza masochista.

La cosa meravigliosa è che sono arrivate le fedi. La mia è esagerata quanto me, è una fede al quadrato. O meglio, è una fede assolutamente classica, ma è di una misura improponibile. Perchè se ti sposi, io credo, si deve vedere che sei sposato, quindi viva le grandi misure. E non pensate a doppi sensi.

E ieri sono tornata al cinema dopo tanto tempo, sapevo di andare quasi a colpo sicuro, nonostante il film in questione mi fosse stato sconsigliato da piu' persone. Avevano torto, avevano. Per me trattasi di piccolo grande capolavoro.




Voglio dire ai miei lettori che questo Papa sono io. Questo Papa è tutti noi. Questo papa ci insegna che alle volte è giusto gridare al mondo mettendoci la faccia: "Io non sono in grado di sostenere il peso delle scelte che altri hanno fatto al posto mio, per cui, non contate su di me per il compito che mi avete affidato, ma, lo stesso, continuate a pregare".


E' un film impegnativo, crudo, triste, ma strappa piu' di una risata, di tutto cuore e di pancia. Non anticipo null'altro, visto che vi consiglio di vederlo, e di vederlo al cinema. Ne vale la pena, ve lo assicuro. Anche solo per rimirare le faccie rugose dei cardinali e l'espressione attonita e spaesata del superbo Michel Piccoli.


A proposito, andate anche a dare un'occhiata al sito ufficiale del film , che a mio parere, anche se non ci capisco una cippa lippa di siti internet, è fatto davvero bene. In particolare, potete partecipare al Cinequiz di Nanni Moretti, ma solo se siete pazzi quanto la sottoscritta!!

Buon inizio settimana a tutti voi.


EDIT: Appena letto da Annalisa, non ho più parole. Solo un grande sgomento, una grande incazzatura. E una gran voglia di bestemmiare.

5 commenti:

lamiaeco ha detto...

Ho appena letto il blog della tua amica Anna Lisa... Pazzesco!!! Malgrado le esperienze col cancro e altre belle cosine del genere avute in famiglia, quando vengo a sapere di casi del genere mi vengono i brividi!
Pensa che, con tutta la campagna di prevenzione che fanno, proprio dopo aver compiuto i 30 anni ho voluto fare la mammografia - da poco infatti una zia aveva subito chemio, mastectomia ecc ecc per un cancro diagnosticato tardissimo.
E i dottori mi volevano dissuadere! Perché ero TROPPO GIOVANE!!!! Ma se vivo in una zona industriale dove i tumori e i neonati malformati sono una percentuale paurosa rispetto alla media nazionale, che cavolo significa TROPPO GIOVANE? non avevo 15-20 anni, ne avevo 30!
Vedi Anna Lisa, che proprio a quella età si è trovata in questo incubo!!!
Insomma, certi medici dovrebbero imparare a tenere gli occhi più aperti anzichè andare sulle statistiche...
Vabbé... che argomenti tristi! Però sono reali ed è importante parlarne.

PS: per la FEDE NUZIALE sono della tua stessa opinione! La mia infatti e bella grossa, bombata, perché si deve vedere a tre miglia di distanza che sono sposata!!!
Ciao!

sononera ha detto...

LAMIAECO:Già, è importantissimo rompere certi tabu', e riuscire a parlare di cose così tristi. Anna Lisa ci riesce in un modo meraviglioso, ma sinceramente, per lei, preferirei una realtà diversa, e non mi vergogno a dirlo. Preferirei che questo non le fosse accaduto.
Grazie per il sostegno sul tema fede nuziale. Io mi sto pentendo amaramente di aver scelto una roba così esagerata. Ma va bene così!:-)

emanuelas ha detto...

ehi, allora lo devo proprio vedere il film di moretti..lo sospettavo.. perché domani non vieni alla mostra? :)
e.

Soluna ha detto...

Anna staccato Lisa è fenomenale... come un po' tutte le ragazze di oltre il cancro.
Ma lei... boh, che sia la "parlata" toscana, l'età simile alla mia, il fatto che ti strappa un sorriso quando di motivi per sorridere non ce ne sono... beh... è speciale.
E le bestemmie si sprecano.

Cupcakes ha detto...

Mia nonna e sua sorella sono morte di cancro al seno, su tre sorelle di mio padre, due hanno il cancro al seno (ed una, purtroppo, è messa molto male ed ha 46 anni... non ci posso pensare). Ed io sono qui, sapendo che forse il mio destino sarà proprio questo.
Non conosco la tua amica ma la leggerò, a quanto pare è una donna proprio forte e la stimo per questo.

Ps: Ho visto che su Italia Uno fanno un programma al mattino, tradotto dall'inglese, in cui un futuro marito ha un budget e deve organizzare lui un matrimonio da favola, così la sua consorte non deve sbattersi dietro i preparativi... perchè non lo fanno anche qui ù__ù?