16 settembre 2011

UNITED STATES OF AMERICA


La nebbia tersa delle sei del mattino, e dentro quella nebbia il Golden Gate Bridge.



E le strade larghe, comode e regolari, e all'improvviso, le discese ardite, e le risalite. E guardando a destra e a sinistra , le abitazioni piu' belle che la mia memoria ricordi.


E le convesazioni spedite in inglese. Timorosa della mia totale inesperienza e incapacità di intavolare una discussione di senso compiuto, la mia lingua si è sciolta in frasi che avevano un filo logico. Il popolo americano mi capisce. Il popolo americano mi ama (ecco, forse qui sto esagerando)


E i cinque libri che nonostante tutto sono riuscita a leggere durante la traversata. Uno piu' bello dell'altro, tranne uno, che volevo buttare giu' dall'oblo dell'aeroplano, se mai avessi potuto aprirlo (ma non si può, mi dicono)

E le mutande, che dopo tre giorni di viaggio erano già finite. Certo che se ti cambi tre mutande in un giorno, mi pare ovvio. E la lavatrice a gettoni, e l'asciugatrice automatica.

E l'amore, in tutte le numerose possibilità.
 
E la tv via cavo, finalmente tutta, in lingua inglese. E i programmi piu' trash del mondo. Roba che noi, insulsa gente europea, possiamo solo sognare. Roba che a Barbara D'Urso gli fa na pippa.

E la mega valigia che mi sono preparata per l'occasione, ribattezzata dal Santuomo " il sarcofago", insultata in quattro aereoporti statunitensi diversi, con quattro accenti diversi, in quattro stati diversi.
Per tre quarti conteneva solo roba inutilizzata. Era meglio metterci piu' mutande, quello sì.
 

E l'azzurro, il verde, il nero, il celeste, il bianco dello Yosemite. E tutti i suoi profumi.
 
 


E i 108 gradi fahrenheit nella Death Valley. La mia pressione bassa ringrazia sentitamente. Ma che bello lo "Zabriskie Point". Il deserto rosa dalla conformazione lunare.

E le sequoie giganti. E il folle innamoramento che è scattato verso di loro. Me le sono abbracciate tutte, anche se era vietato farlo.


E animali per tutti i gusti, incontrati per caso, in posti diversissimi.
I meravigliosi mici Snob di San Francisco 
La marmotta, lei, l'originale.Le alci. E gli amatissimi scoiattoli.



E le nuvole, sulla strada. Mai viste di così belle. (E lì che mi è venuta l'ispirazione per la frase che leggete qui sotto, che ha dato il titolo al mio periodo pre e post matrimoniale) .


E quel grande circo per adulti che loro chiamano semplicemente Las Vegas.


E le luci, tante, troppe, e le spose improvvisate, e le miriadi di fontane e di negozi di lusso, e le slot machines e i tavoli da poker. Fate il vostro gioco.


E la paura di volare, sempre presente. E la consapevolezza che l'unico modo per vivere la vita che desidero, è salire su un aereo il piu' spesso possibile. Anche se questo significa avere un attacco di panico in piena regola sul volo interno da sessanta posti per raggiungere LA, e lo stringersi a Lui , per non sentire la paura, per non urlare, per non ripetere ad alta voce cose irripetibili. (lo so lo so, cheffiguradimmerda. Comunque è andata)

E, finalmente, Los Angeles. (Piccola postilla utile al lettore: tutti i miei conoscenti che sono stati a Los Angeles mi avevano riferito che: "Sì, vabbè, Los Angeles, alla fine NIENTE DI CHE".  Bene , con il senno di poi posso scrivere a chiare lettere: MA DOVE STAVATE CON LA TESTA QUANDO ERAVATE LI'?)
Los Angeles è l'apoteosi della "Americanità". E' la città piu' variegata ed estesa che abbia visto in vita mia. E' piena di cose bruttissime, e piena di cose bellissime. Non c'è una via di mezzo. C'è l'oceano. E le spiagge piu' grandi e attrezzate del mondo.
E poi ci sono gli Universal Studios. E io, che ve lo dico affare, ci ho sguazzato alla grande.


E la Strip. E il Kodak Theatre. Pezzi di sogno divenuti realtà.





E poi, naturalmente, Lei. Il sogno di una vita. La Mela Grande. E la grande mela la tengo per me. O forse la tengo per un post dedicato. Vedremo. Vabbuo', se proprio insistete, eccovi qui un piccolo assaggino. La prima cosa che ho fotografato scendendo dall'aereo


13 commenti:

emanuelas ha detto...

wow.. che dire? lo aspettavo con ansi questo post e casualmente eccolo qua..
:) beataaaa
e.

emanuelas ha detto...

a
intendevo ansia..
sembra che oggi io perda delle lettere..

Lucy van Pelt ha detto...

Ma che bello questo viaggio!! La foto della Death Valley è magnifica! Ciao, bello il tuo blog, ti seguo da un pò ;)

Memole ha detto...

Che viaggio meraviglioso...Piacerebbe anche a me riuscire ad organizzarlo...Hai visto dei posti magnifici...Chissà quante emozioni...

Cupcakes ha detto...

Sognare, sognare... io non ci andrò mai, forse =(

E comunque il un post su New York lo PRETENDO, altrochè!

Barbara ha detto...

Che la mia invidia pure sia con te:-)
Barbara

Cristina ha detto...

Sisi (immaginaci quella faccina che annuisce seria), anche io vorrei il post su New York, anche perché conta che mi sono venuti i brividi solo al vedere quella piccola fotina che hai messo (ma lo dirà mai anche a me "benvenuta" New York?).

Caprica ha detto...

Che belloooooooooooooo! *-* E che bella Las Vegas! Deve essere stato un viaggio meraviglioso, sono stra-felice per voi. La cosa del sarcofago mi ha fatto sbottare a ridere xD

widepeak ha detto...

quali sono i 5 libri please?
e poi lo sai che hai fatto uno dei viaggio che in assoluto vorrei fare anche io più di tutto...per cui ogni parola e ogni descrizione mi riempiono di lacrime felici. voglio pensare che una sequoia l'hai abbracciata anche per me e te ne ringrazio :)
ti voglio bene sononera, molto!

Lipodotata ha detto...

Il viaggio dei miei sogni!! Esigo lungo e dettagliato post, un bignami della Lonely Planet mi basta... Foto bellissime, a leggere del tuo panico mi è venuto il panico :)

Elena ha detto...

Complimenti per le foto.. sono incappata cercando info statunitensi e mi sono trovata davanti le tue meravigliose foto..

Sandra ha detto...

Le stesse identiche mie sensazioni quando ho avuto la fortuna di fare lo stesso viaggio. 16 anni fa. E' giunto il momento di tornare negli States?

chiara ha detto...

che ricordi!!viaggio meraviglioso, lo rifarei altre mille volte e...bel blog, complimenti!