9 dicembre 2011

COSE CHE FANNO MALE SE QUALCUNO TE LE DICE

IN QUESTI GIORNI HO:

Pianto tutte le lacrime accumulate nei mesi scorsi causa stress lavorativo unito a una serie di cattive notizie e lutti uno infilato dietro l'altro che manco la persona piu' ottimista della terra riuscirebbe a leggere in chiave positiva, figuriamoci io che sono la reincarnazione del pessimismo cosmico con due gambe e due braccia che se ne vanno a briglia sciolta verso il loro solo e unico guru: Giacomo Leopardi. Scherzi a parte, è stata dura, difficile, ingoiamo il rospo, e andiamo avanti.
Superato quasi una influenza intestinale con i controcazzi con strascichi inimmaginabili tipo colica epatica sudorifera che mi ha fatto passare la voglia di essere nata e mi ha fatto perdere tre chili in tre giorni, che Dio ci assista nel non riprenderli mai piu'.
Causa malattia improvvisa e debilitante, perso il viaggio a Dublino, il mio bellissimo regalo di compleanno ad un marito quarantenne che non si meritava invece di passare le sue notti e i suoi giorni ad assistere alle mie svomitazzate e lamentele varie. A lui sembra non fregare un cazzo, anzi mi ha pure detto con una punta di orgoglio: che bello che non partiamo, a parte i soldi che abbiamo perso, vuoi mettere passare l'Immacolata con Micia? Beh, non ha tutti i torni, non ha. In ogni caso dovevo bere pinte di Guinnes, di questi tempi, e già visitato la casa di Bono Vox, MIO MARITO Bono vox. Invece vado di Biochetasi. Burp.

Non fatto il mio piccolo e bellissimo alberello, e non messo il presepe, non decorato la casa come al solito, non fatto i biscotti di Natale, la torta di mele alla cannella, insomma, a casa mia sembra quasi ferragosto. Una tristezza infinita. APRO PARENTESI QUADRA [Comunque io il Natale passato così lo odio. Con tutte queste pubblicita di straminchia consumistiche e ipocrite che vengono passate a raffica a soli tre giorni dalla manovra finanziaria in cui ci hanno restituito e tolto i sogni contemporaneamente, io un pò preoccupatuccia lo sono pure, invece sti stronzi devono vendere vendere vendere, ma vendere de che? Qua ci sono debiti passati, e debiti futuri in arrivo, e a me non me ne fraga un cazzo di avere l'albero piu' figo della terra, o l AIFON 4S o l'IPAD o quella straminchia di gioco meraviglioso della X -Box, che riconosce la voce del giocatore. Nè la tv al plasma piu' grande dell'universo. Noooo, chissefrega. GRRR, FRRR] CHIUSA PARENTESI QUADRA.

Visto nel delirio della malattia epatica, la replica dell'ultima puntata del mio programma preferito di quest'anno, che ha preso il posto nel mio cuore, dell'altro mio programma preferito - X FACTOR- che invece mi hanno rinchiuso in un canale a pagamento. Sto parlando di MASTERCHEF , e ovviamente, ma mica tanto, ha vinto chi doveva vincere. Tie'. Sappiate che ho proprio stima di quest'uomo qui, ha intitolato un suo piatto Gay Pride, e solo per questo varrebbe la pena di conoscerlo e di farsi cucinare da lui.


Letto, letto, letto un casino. Figuriamoci, io leggo quando sono sana , approfittando di tutti i tempi morti della mia vita, tipo mentre bolle l'acqua per la pasta, in pausa pranzo sulla panchina piu' assolata della Garbatella, dal parrucchiere sostituendo le mie amate riviste di gossip, sulla tazza del cesso nei momenti di intimità. Insomma, la solita pazza. e volevate che questa pazza non si leggesse un libro per ogni giorno di convalescenza? Figuratevi. Ne ho letti tre. In tre giorni Per ogni chilo perso, un libro letto, Altissimi livelli di follia.

In ogni caso l'apoteosi della mia settimana è stata questa: lunedì scorso, prima di sentirmi male, ero al lavoro arrabattandomi trale mille cose da fare, come al solido in modalità "ho otto mani e tre cervelli, posso provvedere a tutto io". Devo avviare una riunione importante in videoconference, e voi sapete quanto io detesti  essere ripresa da una telecamera e finire sopra uno schermo piatto di sessantotto pollici che allarga anche la piu' fusciella delle femmine. Il collegamento riesce perfettamente, io mi giro per andare via, e dall'altro lato, i partecipanti PENSANDO DI NON ESSERE COLLEGATI IN AUDIO, si lasciano scappare, ovviamente a tutto volume: "SI VABBE', QUA NON SI VEDE NULLA, SOLO IL GRAN CULO DI QUELLA CHIATTONA DALL'ALTRA PARTE!" Ora, io vorrei descrivere le facce delle persone che erano con me, presenti in quella stanza. Ma non lo farò. Non lo farò. Però medito vendetta. OH OH OH, se medito.

21 commenti:

pollywantsacracker ha detto...

NO, ma questi davvero dei figli di puttana, una persona civile non avrebbe mai e poi mai detto una roba del genere anche pensando di non essere udita. E al tuo posto, veramente avrei insultato in diretta il gran culo di quella chiattona della loro mamma. Davvero.

biancamora ha detto...

Non ci voglio credere... Ma veramente c'è gente così rozza al mondo?! Ma soprattutto, non è che lavori in un posto molto rozzo ecco...
La vendetta falla molto dura, perché gente così deve imparare l'educazione!
Ti abbraccio virtualmente e spero che superi al più presto gli strascichi dell'influenza!

Mary ha detto...

io non ti dico cosa avrei fatto perchè sarebbe troppo semplice.una persona si deve trovare nella situazione per sapere come reagirebbe.cmq ci vuole una vendetta seria.seria e ben pensata

valepi ha detto...

medita medita
e poi facci sapere

non so proprio cosa avrei fatto io... non sono una dalla risposta pronta e immediata purtroppo ...

...comunque: ho visto anche io la replica di masterchef ieri sera. contenta anche io per la vittoria! grande lui!

ma i libri? mi lasci così? dici 3 e non dici quali??
curiosa ioooooo!!!

Anonimo ha detto...

bel momento tesoro, eh? Complimenti,mi fai concorrenza :) in quanto all'ultima cosa quei bastardi non devono passarla liscia,devono sapere che tu sai,stronzoni che non sono altro! La coniglia

Miss Pansy ha detto...

Se hai bisogno d'aiuto per meditare la vendetta son qui! Giuro.
Certa gente non può passarla liscia: in nome di tutte le perfidie che mi son sentita tirare dietro negli anni precedenti. E sicuramente anche ora.

E non voglio essere ulteriormente volgare e mi fermo qui, ma me ne stanno venendo in mente certe...

Memole ha detto...

Medita una bella vendetta e poi aggiornaci...Sono stati proprio dei cafoni!!!

apinaperniciosa ha detto...

Io probabilmente sarei rimasta troppo basita per dire qualunque cosa ma invidio davvero quelle meravigliose persone con una bella lingua che avrebbero saputo cosa rispondere a questi maledetti stronzi. Non mi capacito che gente così riesca ad avere una vita. Un abbraccio

sononera ha detto...

Evvivaaa ragazze!!! all'attacco!!

Premetto che questi due (uomini) non sono colleghi, ma perfetti sconosciuti che non rivedrò piu' per il resto della vita. La vendetta verrà a scagliarsi quindi contro il prossimo della lista. Il prossimo cioè che avrò sottomano quella che volta che si farà uscire qualche battuta poco felice su di me e sulla mia fisicità. O meglio, sulla fisicità di qualcunque chiattona. Giuro che sarò spietata, molto piu' del solito.
E non avrò paura di risultare la solita coda di paglia. Sì ce l'ho, sull'argomento, quindi andassero tutti un pò a fare un giretto altrove.
PER VALEPI.
n. 1 n. 3: GIARRICO CAROFIGLIO non esiste saggezza e il silenzio dell'onda. Con Carofiglio si va piu' o meno sul sicuro, anche se spesso sull'ovvio.

n. 2: Giuseppina Torregrossa: Il conto delle Minne. Molto molto bello e sensuale.

sononera ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
valepi ha detto...

mhhhh belli! Carofiglio mi piace molto, si legge in modo molto scorrevole, buona lettura per quando si è ammalati :D
la torregrossa non la conosco

indagherò ;)

Patty ha detto...

Sei mitica: ma un barlumino di quel virus fetentissimo non te lo sei mica tenuto da parte, che so, giusto per inocularlo nel caffè di quel microcefalo che si permette affermazioni grevi, indirettamente proporzionali al peso del suo cervello...che mondo triste! Meno male che la tua ironia illumina tutto il resto. Ti seguo con grande piacere. Goditi il resto del week end. Un bacio, Pat

Patty ha detto...

Sei mitica: ma un barlumino di quel virus fetentissimo non te lo sei mica tenuto da parte, che so, giusto per inocularlo nel caffè di quel microcefalo che si permette affermazioni grevi, indirettamente proporzionali al peso del suo cervello...che mondo triste! Meno male che la tua ironia illumina tutto il resto. Ti seguo con grande piacere. Goditi il resto del week end. Un bacio, Pat

sononera ha detto...

Patty: mille grazie! inoculato in provetta, il virus fetente è pronto per essere elargito a profusione verso i bastardi . Ti farò sapere! :-)

Susibita ha detto...

"Non è vero, purtroppo si vedono molto bene anche le vostre facce di cazzo."

Perchè non sono mai al posto giusto nel momento giusto?? Perchèè???

Susibita

sononera ha detto...

Susi: sei il mito e la mia forza

Cupcakes ha detto...

L'ultima frase mi ha fatta ridere solo per la surrealità della situazione. Ma scusa, io sarei andata a prenderli a randellate a 'sti grandissimi cafoni.
Soprattutto perchè sono sicura che tutti loro abbiano superato i 12 anni da un bel pezzo.

Mi dispiace per il tuo stato di salute non ottimo, ma soprattutto perchè tuo marito Bono magari era in tua attesa... cosa ti sei persa!
Non si poteva rimandare ma solo annullare?

widepeak ha detto...

io un paio di ceffoni vengo a darglieli se vuoi, a ste merde che pensassero alle loro chiappe mosce

Eleanor Rigby ha detto...

Quello che mi viene da commentare è troppo volgare. Troppo.
Sappi solo che c'entrano i tizi e il virus.

Funambola ha detto...

Ma 'sti str****! Se vuoi una mano vengo anch'io a suonargliele!!! :D
Ti sei ripresa adesso?
Adesso tocca a me... sono al letto con l'influenza!!! :(

eka ha detto...

"nemmeno io vedo molto, è pieno di escrementi sullo scher... ah no, ecco, siete voi".
Nera, menali tutti.