19 gennaio 2012

SONONERA CONSIGLIA

Dove ho letto che quando sei felice, sei ferma lì. E' quando soffri, è nei momenti di difficoltà, che viene fuori il meglio di te.
Ecco, sulla base di questa visione io dovrei essere al meglio della mia forma psicofisica, adesso, o ci dovrei essere molto molto vicina.

Invece va che a me il dolore mi blocca completamente. La sofferenza mi annienta. Anche la felicità estrema mi destabilizza. Quindi, in pratica, sono fottuta.

Detto ciò, sono al riposo, in convalescenza, e riacquisto piano piano il senso del tempo. Ecco, anche riacquistare il senso del tempo è piuttosto destabilizzante. Ti rendi conto di quando sia effimero il confine che separa una vita normalmente vissuta da una serie di eventi veloci che ti passano lì, davanti al naso, senza che tu te ne accorga, perchè sei preso a far quadrare i conti della tua vita. Non riconosci piu' il silenzio, non riconosci piu' il piacere dell'attesa. Soprattutto non sai cosa voglia dire la meravigliosa espressione del "tutto a suo tempo".
Mi sono capita, in questa settimana, ho capito cosa fa quella donna che è in me e che odio tanto quando divora pacchi di biscotti: cerca il senso del tempo, si fa spazio per non essere annientata dai mille impegni quotidiani. Lei si trova, trova e sente se stessa, attraverso il cibo. Ecco perchè si prende sempre quell'oretta al giorno per fagocitare. E' come dire al mondo. Lasciatemi stare, questo spazio e questo tempo sono solo miei.

Qui in Abruzzo non ho avuto affatto voglia di abbuffate. Ho mangiato cose cucinate da altri, senza desiderio alcuno di arraffare fuori pasto. Non ho mai fumato, io che fumo piu' o meno come un turco, non sono uscita, non ho fatto niente di che. Ho solo ripreso in mano la mia vita.
Ho capito che non posso avere tutto quello che mi manca subito, ma posso lavorare su un paio di cose, per cui il poco tempo prezioso che mi resta fuori dal lavoro non sarà mai sprecato: l'attività fisica e la fotografia.
Vi terrò aggiornati.


E ora , passiamo alle solite futilità: a partire da quest'anno nasce su Tantovalagattallardo l'angolo piu' inutile della storia della blogosfera, intitolato: Sononera Consiglia. Ho anche creato un tag apposito, di modo che chi passa di qui, possa trovare qualche indicazione su libri e film da vedere, e possa farsi venire la voglia di acquistarlo. Vedete come vi penso e come vi voglio bene? Poveri voi.

Anche perchè per adesso TUTTO il tempo libero che mi rimane, io lo passo tra cinema e libri. Curatemi.

Ultimamente in particolare sono nella fase "DIVORA LIBRI". E in questa fase convalescente sto leggendo questo :







Murakami non è tra i miei scrittori preferiti, ho letto solo un paio di libri , tra cui il bellissimo Norwegian Wood, Tokyo Blues, e il bruttissimo Sotto il segno della Pecora (che già il titolo, ma come si fa..). In ogni caso 1Q84, che devo ancora capire come pronunciare, per quanto non completamente scorrevole, merita di essere letto, con tutta la calma che richiede. Perchè è una FIGATA.
Ne verrò a capo, con molta pazienza.

Nota dell'autrice. Il Romanzo è diviso in tre parti. I primi due libri sono stati tradotti e pubblicati in unico volume, per il terzo dovrò aspettare OTTOBRE di quest'anno. Ecco, io ODIO queste robe. Posso solo immaginare che alla fine del secondo volume rimarrò con il classico groppo in chiu..ehm in gola, e la irritante sensazione di sospensione tipica di che deve aspettare una conclusione che non è ancora stata prodotta. Ma tanto è. Non posso farci nulla, a meno di passare gli otto mesi che mi separano dal terzo volume ad imparare il Giapponese. Ma a cosa servirebbe? Quindi il consiglio di Sononera è: leggetevi tutto a partire da Ottobre 2012. I vostri nervi ne gioveranno.

10 commenti:

LA CONIGLIA ha detto...

attenderò ottobre!

per il resto...avere il senso del tempo è difficilissimo. Veramente.

Cristina ha detto...

Io il senso del tempo, di solito, lo trovo nei libri. Nei libri che coprono una vita o più generazioni. Murakami mi piace molto (mi è piaciuto perfino quello della pecora, anche se meno degli altri), ma aspetto ottobre perché e' un periodo difficile, figurati se ci si mette anche un libro a confondere! Buone letture, allora, buon tempo, buon tutto!

widepeak ha detto...

okkei me lo segno, ero indecisa, ma la recensione mi ha convinta. me lo ricordi però tra una decina di mesi?

sononera ha detto...

CONIGLIA: è molto difficile. Questo libro tra l'altro ingarbuglia ancora di piu' il senso del tempo in generale.

Cristina: Grazie. Anche a te buon tutto, e visto che ami i libri, nella tua vita c'è tanto di buono!

Wide: te lo ricordo io, tranquilla! Io sto finendo il secondo libro, ed effettivamente, no, si deve avere subito a portata di mano il terzo. Ma forse sono io che sono sempre la solita impaziente :-)
Ad ogni modo è il suo capolavoro, decisamente.

Cupcakes ha detto...

E sì, i libri in saga o come diamine si chiamano, sono una merdaccia per chi li legge prima della fine.

Io ho un mare di tempo libero, praticamente tutto (e non ne vado fiera, ma questa è un'altra storia), eppure non faccio proprio nulla per sfruttarlo al meglio.
Mi dovrei autocestinare mi sa -.-

sononera ha detto...

Cup: non mi sembra che tu stia perdendo tempo, ti stai dedicando a due progetti molto importanti: la dieta , e con ottimi risultati, e il tuo traferimento nella città dei nostri sogni, che avverrà entro l'anno. Ci vuole molto coraggio. Io ho studiato sodo e lavoro da cinque anni, non mi sono mai fermata veramente, se non per qualche breve viaggio, e ho molti rimpianti. Te l'assicuro. Mi sarebbe piaciuto riuscire a fare molte piu' cose, ma alla fine devo solo pensare che ho ancora un pò di tempo per fare tutto, nonostante sia andata ben oltre i trentanni. Quello che mi frega è che penso sempre che dopo i trenta è tutto perduto. E poi mi guardo allo specchio e dico: ma chi cazzo l'ha detta questa stronzata??

the pellons' ha detto...

IO invece adoro Murakami da tempo e questo libro me lo sto bevendo... il terzo tomo si può comprare in inglese, mi dice una collega che lo staleggendo che non è così difficile.

Navigo a Vista ha detto...

ti dico solo che, allo scopo di fare almeno un tentativo per riprendere in mano la mia insulsa esistenza, da domenica sera tengo una sorta di diario, alla bridge jones, mi prefiggo un obiettivo piccolo al giorno e uno un po' più grande per la settimana
vediamo come va...

propriocomeaudrey ha detto...

Ciao, mi piace l'idea di "Sononera consiglia"! Sono arrivata da te attraverso Lipodotata, ti seguo ma non ho mai commentato. Norwegian Wood e` uno dei libri che mi hanno cambiato la vita. Ho appena iniziato 1Q84 in traduzione inglese (regalo del mio alfahusband britannico) e il terzo volume e` gia` uscito... ci si mette d'accordo e ti fo` un sunto? ;-) Buon proseguimento!

emanuelas ha detto...

come stai bella mia?