2 gennaio 2012

PERSONE GRASSE CHE GIUDICANO ALTRE PERSONE GRASSE



Dottore: e allora signora, leggo dalle analisi che la sua curva glicemica è anomala, il suo pancreas non è piu' perfettamente in grado di assorbire gli zuccheri ingeriti, e l'insulina non è prodotta a sufficienza

Paziente: e quindi, in poche parole vuol dire che ho il diabete?

Dottore: e beh, non ancora, sa lei è molto giovane, non ha sviluppato ancora la malattia, ma se persiste sulla strada della trascuratezza, la via che imboccherà sarà certamente quella del diabete.

Paziente: e i trigliceridi così alti? perchè sono così alti? Non li avevo mai avuti a quel livello!

Dottore: una dieta ricca di zuccheri e grassi, oltre che di pane, patate e pasta in abbondanza, può causare accumulo di grasso in eccesso sulla parte addominale. Spesso le donne che hanno pancia in abbondanza e un punto vita che supera gli 80 centimetri, hanno i trigliceridi e il colesterolo cattivo sopra la norma. E' risolvibile, i trigliceridi sono facili da abbattere, con un dieta sana e molto movimento.

Paziente: Dottore, lei sa come tranquillizzare le persone ipocondriache come me, ma insomma, mi sento molto in colpa per essermi ridotta così, oltre al fatto che non mi piaccio fisicamente a causa del sovrappeso, faccio fatica a fare le scale, non posso vestirmi se non nei negozi di taglie forti, ho i capelli unti e indeboliti, la pelle grassa, l'affanno generale, e soffro di flebite e di vene varicose, sono seriamente preoccupata per la mia salute.

Dottore: ma non deve preoccuparsi, intanto le prescrivo questo regime dietetico che le abbassserà immediatamente i livelli di zucchero nel sangue, a cui abbinare del movimento costante, mi raccomando, ci rivediamo tra tre mesi con le analisi della curva glicemica, e se la glicemia non si sarà abbassata, le prescriverò dei farmaci che l'aiuteranno a tenere tutto sotto controllo.

Paziente (in lacrime): grazie dottore, grazie infinite, ma insomma, alla mia età , già dei farmaci contro il diabete? Lo so lo so è un ipotesi, ma sono spaventata. Sono troppo giovane per avere un diabete di tipo 2.

Dottore: purtroppo l'obesità anche lieve unita alla scorretta alimentazione e alla predisposizione genetica, possono portare queste conseguenze, ma a tutto c'è rimedio. Buon anno.

Paziente: Grazie dottore, grazie , buon anno a lei.


Quella paziente, per fortuna NON SONO IO. E' una signora che era dal mio medico curante prima di me, e di cui ho sentito tutta la conversazione con il dottore prima che fosse il mio turno.
Ho ascoltato il colloquio e all'inizio pensavo si trattasse di una donna sulla settantina con problemi di diabete, flebite e colesterolo alto. L'ho immaginata con i capelli bianchi, unti , l'ho immaginata in forte sovrappeso e vestita malissimo. L'ho giudicata male, e io proprio io, mi sono tirata via da quella categoria, come se non ne facessi parte. Ogni tanto la mente fa degli scherzi. Nell'ultima parte del discorso ho capito che poteva avere massimo 45 - 50 anni? sì sì dai, non meno di quaranta.
Col cazzo. Quando è uscita da quella porta, ho visto me stessa. Una ragazza molto alta e discretamente bella, in fortissimo sovrappeso, credo fosse piu' di cento chili. Vestita con cura. Giovane, al massimo sui trentacinque anni. Perchè a trentacinque anni si è giovani vero???


E ho pianto, così , su quella sedia, davanti alle persone che erano in attesa dal dottore insieme a me.
Ho desiderato che la mia malattia alimentare non mi avesse fatto i danni che mi ha fatto anzi, che non fosse mai esistita e che io potessi fingere di essere normopeso da sempre.
E soprattutto ho desiderato non ridurmi come quella bellissima fanciulla che superava i cento chili, visto che anche lei è uscita dalla porta in lacrime. Mi sono sentita diversa da lei, sbagliando. Io sono come lei, e come lei devo porre rimedio prima che sia tardi.

Ho avuto per la prima volta, la percezione vera dei danni che il mio sovrappeso ha fatto e potrà fare alla mia salute. E mi è successo il penultimo giorno dell'anno 2011. Un motivo ci sarà.

Non farò propositi per l'anno venturo che servono a poco. Semplicemente, con le buone o con le cattive, e molto lentamente, cercherò la perdita di peso. Piu' si va in basso, meglio è.

E soprattutto la smetterò di fare l'ipocrita, e giustificare il fatto che io che sono grassa, le persone grasse le capisco e non le giudico. Certo, non sono una che guarda la piccola sproporzione o il filo di cellulite, o le tette piccole, o troppo grandi, o il tarallo di panza de fori dal jeans. Ma se una donna o un uomo sono obesi, io li guardo con occhio malevolo, esattamente come guardo me stessa. Anche se sono comprensiva all'ennesima potenza su tutto il dolore, che riduce un uomo o una donna in forte sovrappeso. Perchè è DOLORE, (e desiderio di anestetizzarlo) e non indolenza.

Tuttavia è giusto ammettere che se guardo una donna grassa, io non vedo il bene. Io vedo il brutto, all'ennesima potenza. Forse sono malata, forse sto guarendo. Non lo so.


Nota dell'autrice a questo post di inizio anno che è onestamente di una pesantezza cosmica:
Auguri di buon anno, belli e brutti, giovani e vecchi, etero e omo, grassi e magri, blogger o lettori di blog. Semplicemente, l'augurio è di realizzare un desiderio, uno solo, quello importante, quello che sta lì da lustri  in un cantuccio e si ripropone come la peperonata a ogni ultimo dell'anno. Vi auguro di metterlo via, per sempre, perchè si sarà finalmente realizzato. Perchè? Perchè, se no, du palle.

17 commenti:

ziamaina ha detto...

Tesora, ho concluso l'anno con queste riflessioni, lascio a te se commentare o meno...
Leggerti oggi mi fa sentire ancor più la voglia di abbracciarti anche se siamo troppo lontane, per tutto (e sai a cosa mi riferisca).
Per cui, non mi resta che ricambiare il tuo augurio, confidando che presto una delle due possa "metter via" un gran bel desiderio e trovare la forza di credere in quello successivo...
Baci all'Imperatrice suprema, meow...

LA CONIGLIA ha detto...

posto che sei bellissima (e ti ho vista in foto, mica sto immaginando!) trovo questo post veramente significativo...è vero che spesso siamo più critici di quello che pensiamo con chi ci somiglia di più per i difetti...

Un bacione grandissimo

emanuelas ha detto...

buon anno bellezza!
spero di vederti prima della fine di questo anno :)

sononera ha detto...

Zia, ti auguro tutta la felicità che meriti, la auguro ai pelosi di cui con amore di prendi cura, e vorrei che la vita ti stupisse. Lo vorrei anche per me.

La Coniglia: forse è questo il problema. Il grasso non mi ha abbastanza imbruttita. un pò certamente lo ha fatto, se mi vedessi in alcune foto in cui spunta fuori il quadruplo mento forse non la penseresti così. In ogni caso sono fortunata, dal punto di vista estetico il grasso poteva fare molti piu' danni. Ma da quello salutistico? Non voglio farmi del male, ci tengo alla mia pelle e vorrei vivere in maniera sana il piu' a lungo possibile. Sapere che sono piu' di 10 anni che vivo in forte sovrappeso non mi consola. Occorre mettere una pezza. E come si fa? già.

Manuuuu: ho scritto anche da te che dobbiamo vederci, e lo faremo è una promessa. Stai su, ti abbraccio fortissimamente.

Lipodotata ha detto...

Uff...quindi niente pranzo all'Africano?? :)) Scherzi a parte la tua analisi delle cose è più che condivisibile ed anch'io che ai 50 quest'anno ci arriverò sto rivedendo il bisogno di alleggerirmi non tanto per un fatto estetico del quale oramai mi importa veramente poco, ma per la mia schiena, il cuore, le arterie e tutto il cucuzzaro... :) Bacio grande!!

erika ha detto...

Tesoro, vedila così: tu sei bona. Ma bona tanto. Tanta roba.
Ed hai una vita piena, di gioie come di scazzi.
Il dimagrimento, dopo questa riflessione, ci sarà, perché non sei una pazza suicida. Tu nel frattempo continua a vivere la tua vita, cambiandone solo lo stile alimentare (ed aggiungendo un po' di movimento giornaliero), continua a vivere, e piano piano i risultati arriveranno, magari non te ne accorgerai dopo poco tempo, ma sul lungo periodo (che poi è la cosa migliore).
Ma nel frattempo vivi, il più possibile, come hai sempre fatto. Credo sia questo il vero senso di una dieta (non intesa come 7 kg in 7 giorni, ma come stile di vita): non aspettare i risultati, ma vivere.
Il resto viene da se.
Buon anno ed in bocca al lupo :*
Erika.

sononera ha detto...

Lipus: e no! niente Africano! e se proprio devo sgarrare, andrei in una bella trattoria a mangiare una amatriciana!

Eka: *-) mi fai commuovere così..grazie per la fiducia e per gli stimoli che mi dai! grazie di cuore e basta. Ps: ma tutta sta grande gnocca dove la vedete non so.

Irene Pazzaglia ha detto...

Mi hai fatto piangere davvero...perchè anche io mi riconosco in quella ragazza e in te, anche io vivo questo dolore che è una finta scorciatoia per sfuggire ad altri dolori. Mi sento vicina a te, e ti capisco quando dici che quando vedi una persona grassa non vedi niente di buono, perchè so bene di avere sbagliato e di stare ancora sbagliando, so di non aver mai amato abbastanza me stessa e che così facendo mi amerò ancora di meno. Ma si risale la china?piano piano, con le lacrime e la volontà, perchè non proviamo a risalire? Credo che ci sentiremmo meglio...
Ciao, tanti auguri di buon anno anche a te. Un bacio, Irene
http://cicciafashion.blogspot.com

Apina ha detto...

Io non ti ho mai vista, ma mi fido molto di tutte quelle che ti hanno detto che sei bellissima, e credo che il punto non sia quello, se non stai bene con te stessa e se hai paura per la tua salute, penso sia questo il punto di partenza, è difficilissimo cambiare abitudini di una vita ma te sei davvero una con un'intelligenza notevole (questo dal blog si capisce!) e questo successo è alla tua portata. Tantissimi auguri e un 2012 pieno di cose bellissime!

Simone Biagiotti ha detto...

1) si, a 35 anni si è giovani, GIOVANISSIMI!! :-)
2) io mi fido della Coniglia! Brava Coniglia!
3) la malattia è una cosa brutta. La cosa più brutta della malattia è non accorgersi della malattia. Mi sembra che tu non lo faccia, anzi!! Quindi sei già ad un ottimo punto
4) Il 2012 è l'anno della svolta, sarà un anno straordinario di gioia e soddisfazioni per tutti (peccato per quella cosuccia dei maya ma pazienza ;-) )

Cupcakes ha detto...

Io il tuo bellissimo augurio lo prendo due volte, perchè fra tutti i miei buoni propositi ce ne sono due e non uno che DEVO assolutamente realizzare.

E uno dei due è il tuo stesso. Con calma, pazienza e nessuna velocità da competizione.
E ce la faremo sia io che te secondo me. Con calma, e senza velocità.

Lucy van Pelt ha detto...

Bel post, davvero! Che sia uno sprone allora questo shock. Ti abbraccio.

Susibita ha detto...

Questo 2012 DEVE essere una svolta
E se non lo sarà, lo faremo diventare.
Buon anno Sononera: a te, alla tua bilancia ceh tanto odi, ai dottori, ai malati, ai sani, a quelle proprio bone, al buon mangiare, ai gatti, ai nani che già ci sono e a quelli che stanno per arrivare per l'appunto nel 2012.
Io - nel dubbio- mi sono riappropriata del costume da bagno da impanzata: perchè ci devo andare, in piscina. DEVO.

Susibita

widepeak ha detto...

cara amica, spero davvero che tu riesca in quello che ti proponi, con i tempi che saranno necessari. nei giorni prima di partire ho visto crollare la mia bellissima mamma cicciona sotto il peso dei suoi chili ed è stato devastante, per me e per lei. piano piano, facendoti aiutare, ma si, forza, si. anche se tu sei così bella e tanto lontana da un peso che sia davvero preoccupante, ti meriti di sentirti meglio e di non aver paura del futuro.
ti abbraccio

Alice nella Milano delle meraviglie ha detto...

Spero che quest'anno ti sentirai meglio e che le cose migliorino. Un bacio

Navigo a Vista ha detto...

auguri cara, hai tutto il mio sostegno, Mi sto mettendo in riga anche io...

un abbraccio

silvia ha detto...

spesso siamo più perfidi e critici verso chi ha i nostri stessi difetti...
non sei stata cattiva, solo estremamente sincera nell'ammetterlo (cosa che tanti non fanno...)