30 marzo 2012

LA PALESTRA

Per la seconda volta in meno di un mese, mi sono ammalata con tosse e raffreddore.
Ho il ciclo, e in questo periodo il mio potente superdeodorante sembra non avere effetto sulle mie ascelle.
Con la primavere le emicranie hanno ripreso a torturare il mio cranio almeno due volte al giorno, il colon è moooooolto irritabile, e mi fa pure male la capsula che il dentista mi aveva montato in bocca lo scorso anno, per la modica cifra di 1250 euro, esentasse.

Ma. Sono felice. Del mio essere cesso dentro, me ne faccio un vanto. Prima o poi troverò una soluzione al problema. Intanto oggi ho la visita di idoeità per la palestra, e lunedì prossimo dovrei iniziare. Dovete sapere che prima di iniziare a lavorare ormai piu' di cinque anni fa, io ero una sportiva provetta. Adoravo la palestra, e avendone una meravigliosa e abbordabile vicino casa, ero sempre lì dentro a massacrarmi le chiappe. Era un sacrificio fino ad un certo punto, visto che nel periodo di studio potevo scegliere la pausa pranzo per fare movimento, e questo agevolava il consumo di calorie.

In realtà non ho mai pesato tanto come in quel periodo. Però era diverso, facendo sport. Mi sentivo una leonessa. Dopo due ore di sfiancanti lezioni di step coreografico + bodypump, o alle volte fit box, io ero una persona migliore.
In quel periodo ingrassavo, è vero, a causa del mio disturbo alimentare, ma non avevo altri problemi. No mal di testa feroci, no dolori mestruali lancinanti, no sindrome premestruale da urlo, no raffreddori, no mal di gola.
Tutte queste cose si erano del tutto ritirate.
E soprattutto, la cosa fantistica era non sentirsi mai stanchi. Certo, le discese ardite e le risalite, con 100 chili sulla groppa erano comunque pesanti. Per il resto, riuscivo a fare tutto e meglio.
Non so dove andrò a finire facendo questa scelta, magari paradossalmente il fatto di fare il sacrificio grandissimo di andare in palestra dopo 11 o 12 ore di lavoro sfiancante mi porterà a mangiare il triplo. Magari invece non avro' davvero piu' il tempo di mangiare e dimagrirò a vista d'occhio. Una cosa è certa. Ci devo provare. Perchè dio bono, non si può avere mal di schiena appena scesi dal letto. Tenerselo tutto il giorno, e tornare nel letto la sera senza che quello sia passato.
Un piccolo passo per il mondo, un grande passo per il cesso che è in me.
Vi farò sapere. Cià.

Nota dell'autrice: questo post è di un insulso che piu' insulso non si può. Ma serve a me, per ricordare la mia decisione storica di iscrivermi in palestra , perchè quando uno è fermo da troppo, in tutti i sensi, è bene ricordare. Anche se dentro di me so che finchè non vado non credo. Che fiducia che ho in me, ammazza. Ad ogni modo pubblico di seguito, per la gioia dei VOSTRI occhi, alcune delle paleste piu' belle del mondo, così, giusto per farvi capire il mio concetto del tutto utopico del piacere di fare movimento. Sia chiaro, la mia palestra va benissimo, ma insomma, come si dice sempre,
è bello sognare.






 

5 commenti:

Miss Pansy ha detto...

Se il tuo post è insulso, il mio blog lo è!
In bocca al lupo Nerina, tullosai quanto io sia innamorata della palestra, quindi non ti dico niente più: sarei troppo di parte!

(tra l'altro 'sto mese è l'ultimo nella MIA palestra. Già piango e spero di trovarne una buona lì dove vado!)

ero Lucy ha detto...

Invece fai proprio bene, e fossi in te non mi fascerei la testa con tutti quei se.
Stavi sempre bene perche' facevi sport, e il corpo era in salute e forte. Inoltre ho scoperto a mie spese, non so se e' anche il tuo caso, che quando una persona ha sempre fatto sport nella vita, la struttura muscolare sviluppata comincia a cedere non appena si smette (cioe', quando si comincia a lavorare sul serio...), e forse e' il motivo che ti porta ad avere mal di schiena per tutto il giorno.

gattonero ha detto...

Il post non è insulso, intanto!
Con l'elencazione dei tuoi acciacchi costringi ad un cekap virtualmente personale: ognuno dei tuoi viene trasferito quasi inconsciamente in chi ti ha letto.
Almeno con me è successo.
A parte la situazione mestruale e il deodorante, che su di me penso funzioni, tutto il resto (ma non tutto insieme come a te), è presente.
Le palestre dei tuoi sogni sono bellissime, ma una lunga passeggiata in riva al mare, in attesa di tuffarmici non è da meno.
Ciao, divertiti.

Cristina ha detto...

A me mi (errore lo so, ma mi suona male sennò) mancano da morire le mie lezioni di step coreografico e fit boxe! Buon ri-inizio, davvero!

emanuelas ha detto...

coraggiosa donna.. anche io devo scavare e indagare il perché dei miei mal dischiena etuttoilresto..
sarà la mancanza di sport e movimento?? maybe..
mumble mumble..
e.