8 marzo 2012

LONDRA CHIAMA

E quindi ho compiuto trentatrè anni.
Quando a gennaio scorso ho realizzato con orrore che sì, sarei passata ufficialmente e definitivamente nella fase della vita che si può definire vecchiaia "essere adulti", ho deciso che mi meritavo un regalo. Un regalo auto-prodotto, di quelli grandi, di quelli che fanno bene alla salute.
Per mio compleanno ho deciso che avrei voluto il regalo piu' consolatorio che si possa desiderare.

Una borsa Louis Vuitton ? Naaa
Una giornata in una Beauty Farm extra lusso? Manco pe' niente.
Una tripla seduta di agopuntura, massaggio plantare, mesoterapia antifame, anticellulite, antitrippa,  anti-tutto? Neanche morta.
Un concertone di quelli megagalattici con "pogaggio" finale? Per carità.

                                                           The answer was : LONDON

E Londra è stata. Presi gli ultimi nostri sudati risparmi, e investiti in un compleanno a Londra.
Perchè io dico "Londra" e sto subito meglio. Dico "Londra" e mi passa la paura di volare.
Dico "Londra" e il cervello bacato che mi ritrovo si riconcilia con il mondo.

Perchè per me, dalla tenera età di quattordici anni, (ovvero dall'età in cui ho visto Londra la prima volta) funziona così:

Ho preso un brutto voto a scuola----Londra

Il tipo che mi piace non mi caga di striscio ----Londra

Mi sono trasformata in una vacca svizzera e non riesco a dimagrire----- Londra

Amo Roma, ma in questa città non funziona un cazzo, le metro puzzano, c'è traffico da paura, gli affitti costano un occhio della testa---Londra

Il mio guardaroba fa acqua da tutte le parti e ho bisogno di farne un unico, gigantesco rogo ---Londra

Non ho avuto la promozione che speravo-----Londra
Ho litigato con il mondo intero ----Londra

Lo so, sono pazza, di parte, snobbona, esagerata, ma su di me, Londra, funziona. Tanto, e bene.
Se poi decidi di andare a Londra con un meraviglioso neo-marito, beh, funziona molto di piu'.

Londra è la soluzione al problema. Non so di preciso quale sia il problema, fatto sta che quattro giorni a Londra sono valsi bene un conto in banca sotto zero.

Se Londra chiama chiunque, a me chiama almeno una volta l'anno, e allora tocca rispondere, tocca partire. Sempre. O quasi.

Londra è la mia città preferita, e questo lo sapete, è la città in cui mi piacerebbe aver vissuto dai venti ai trentanni, non mi trasferirei adesso solo perchè sarei troppo lontana dall'Abruzzo e dai miei, ma insomma, questo è l'unico motivo per non desiderare di invecchiare lì.
Quando sono a Londra io mi sento a casa. Anche se cammino in strade che non ho mai visto. Anche se mangio in posti in cui il cibo è di dubbia provenienza. Anche se francamente, è dura vivere senza bidet.
Non è una metropoli che mi sovrasta, sarà che tutto funziona così bene, ma è anche caotico al punto giusto per non farmi subire la noia e la frustrazione di vivere in un posto troppo piccolo.
E poi ci sono un sacco di colori, profumi, cibi, negozi, vetrine, locali, quartieri, e tutto è al posto giusto.
Non è esteticamente così solare e chiara come vuole sembrare, dopo tutto non è Roma, che oggettivamente non ha eguali ed è il posto visivamente piu' bello del mondo.

Ma PER ME è Londra la piu' bella, perchè ha una personalità British alla quale la mia personalità vorrebbe assomigliare. E per la pioggia , non fa niente. Ci si abitua, dopo un pò.

E quindi sono andata, e sono tornata. Con La Febbre.
Perchè non è che uno a Londra ci va in maniera sana e normale, dopo aver pianificato ogni minimo spostamento, dettaglio, luogo, nome, mare, fiume, fiore, quartiere da visitare.
Se prima di partire non ti ammali, la cura non è valida. E quindi, in completa confusione e disaccordo, ho trascinato i bacilli romani su suolo Britannico. Che volete che sia. Giusto un pò di sanissimo rodimento di chiulo, che ho praticamente tutti i giorni.

Il programma per il mio compleanno è saltato miseramente. Dovevo incontrare parecchi amici, e per un motivo o per un altro non sono riuscita a vedere nessuno.

Però se volete qualche suggerimento su cosa si può fare a Londra quando si è muniti di febbre catarrosa, io ve ne lascio qualcuno qui sotto, in versione fotografica.











E tanto, tanto altro. Che però, tengo per me.

E per finire, cantiamo tutti insieme: Taaaanti auguuuri a meeee, tanti auguuuri a me!! 
Che sono diventata una vecchiooonaaaa, taaanti auguuuri aaaaaa me!!

15 commenti:

Arounderground ha detto...

Tanti auguri a te allora!!questo si che è un compleanno coi fiocchi :)

apinaperniciosa ha detto...

Londra, Londra, Londra, solo la parola allevia un po' tutti i mali di vivere... Il tuo regalo a te per il tuo compleanno mi piace da impazzire!

gattonero ha detto...

A Londra non c'è il mare, quindi un mare di auguri.
Se là hai lasciato dei germi, Scotlandyard ti verrà a cercare, e i prossimi 33 anni li passi nella Torre...
Ancora auguri.

ero Lucy ha detto...

Brava, che bello!!!! Mi e' piaciuto tanto questo post! Comunque, bellezza, qua la vecchia so' io che ne ho fatti QUARANTA, mica te.
Auguri di cuore! E dimmi, come hai fatto a creare questi collage di foto?

Parola di Laura ha detto...

brava un compleanno bacilloso che merita un grande applauso e un "tanti auguri a te, tanti auguri a te,tanti auguri vecchietta, tanti auguri a te!

Mirtilla ha detto...

No vabbè, Londra sta chiamando a gran voce anche me da tempo, ma sono costretta a fare orecchie da mercante... -.-
Riguardo alla febbre, se ti può consolare, a Berlino ho avuto la colica peggiore della mia vita... olè!!!
Comunque con questo post hai aumentato a dismisura la mia voglia di mettere mano alla valigia, sappilo.
-.-

Susibita ha detto...

Taaaanti auguri sinceeeriiiii...tanti auguri aaaaaaaaaaa teeeeeeeeeeeeeee...

Fiù (candelina).

Oddio quanto fa compleanno a 8 anni davanti a una torta gigante e tuo zio che scatta la foto e un vestitino a fiori che era di tua sorella e tu in mezzo a tutti quei nani e che vorresti sparire.
Meglio 33 a Londra, direi.


Susibita

Cupcakes ha detto...

Inutile aggiungere qualsiasi altra parola. Lo sai.

LA CONIGLIA ha detto...

io non sono mai stata a londra, potrai mai perdonarmi...?

Ma giuro che voglio andarci! GIURO!

LA CONIGLIA ha detto...

...tesoro gli auguri mi ricordo di averteli fatti su twitter casomai mi fossi sognata la cosa...AUGURIII!

Stephy ha detto...

sono andata a Londra quest'estate e già mi manca...
tanti auguri e piacere di conoscerti ^^

emanuelas ha detto...

aaaaahhhhh
che dire..? son soddisfazioni, anche io festeggerò a londra quest'anno a costo d'indebitarmi.
ari-auguri ;)
e.

Blunotte ha detto...

come ti capisco! su di me Londra ha lo stesso identico potere taumaturgico-catartico-rinvigorente. Siam donne di buongusto, che ci vuoi fare!

coccinellaverde ha detto...

Londra è il mio sogno proibito (e spero solo per ora....)

lauretta ha detto...

oh beh, questo pezzo avrei potuto scriverlo io, cavolo!

tanti auguriiiii!