21 agosto 2012

LA LEGGE DEL CAOS

Le ferie sono volate in un lampo. Mi sono riposata, Dio sa quanto ne avevo bisogno, sono stata al mare a NON abbronzarmi, ma non me ne frega un cazzo. Il mare per me è altro. E' letture, è bagni nell'acqua cristallina, è protezione cinquanta/trenta, è relax sotto l'ombra, è fare foto, è aperitivi al tramonto, è visitare posti nuovi.
Ecco tipo così, tipo:


Ho fatto tutto questo, non posso lamentarmi.
Sulla spiaggia ho persino trovato il tempo di fare una lista. Dei progetti per il futuro, eh già, che lista banale. E' che ne ho moltissimi. E' stato un attimo scriverli tutti e iniziare a piangere tutte le lacrime del mondo.

Ok, ok, stiamo calmi, mi sono detta. Non puoi iniziare a progettare tutte queste cose contemporaneamente, ce ne sarà una piu' importante delle altre dalla quale partire, qual è dunque la cosa a cui tieni di piu'? La risposta è:

SONO TUTTE COSE IMPORTANTI, TUTTE HANNO LA PRIORITA'.

E da lì, la valle di lacrime.

La lista piu' o meno sarebbe questa:

- Chiedere un mutuo per comprare casa a Roma (che non vuol dire comprare casa, ma chiedere, che grazie a Dio non costa nulla (o sì?) . Ovvio che la risposta del consulente bancario sarà: Signora, ci rivediamo quando avrà vinto al SuperEnalotto)

Chiamare la nutrizionista (capite bene che dopo una decade di diete fallimentari, spendere i soldi che non ho per fallire di nuovo mi fa specie. Quindi ci sto riflettendo troppo, e intanto il tempo passa e io sono sempre allo stesso punto, e la cosa peggiore è che sul mio cammino, in particolare questa estate, la vita mette sempre amiche/ragazze che sono riuscite a perdere peso, in maniera sana anche se con tanti sacrifici, e adesso sono fiere di loro stesse. Quindi sto nella fase vittima della vita e mi rode il culo. Fate voi)


- Iniziare una terapia. Se devo proprio scegliere quella delle cose che mi sta piu' a cuore, ecco, questa sarebbe al primo posto. L'irrisolto è il mio credo, non posso pensare a quanto ho procrastinato su questo punto. La bolla di certezze nella quale mi sono avvolta per non soffrire, o meglio, per soffrire come una cristiana normale e non come una depressa cronica, deve essere distrutta. E io non so come fare. E a trentatreanni e mezzo mi chiedo ancora se solo io vivo così, o se anche gli altri hanno innalzato muri di difesa tanto alti da non vedere piu' il fondo della loro anima.


- Pensare finalmente che è tempo di diventare mamma. Non riesco a non pensarci, in verità ci penso ogni minuto. E non so gestire la cosa, per niente. Dico a me stessa, semplicemente: perchè no? Perchè non sarei una brava mamma, perchè non sono risolta, ho troppi casini mentali, fumo, sono troppo egoista, non ho aiuti, lavoro dodici ore al giorno, non ho una casa, non ho soldi, non ho testa. Non sono in grado.
Sono in loop, forse, semplicemente, non sono ancora pronta. Per cui, vedi punto sopra.


Ora, questa lista forse, nei miei cinque anni di blog, l'avro' fatta ad ogni fine agosto, e avrò sicuramente rincarato la dose a fine anno.
E' difficile essere credibili verso se stessi, se sta roba è ancora qui, con tutto il suo peso e la sua tragicità.
Non sono credibile, dai.
Io non ne posso piu' di fare liste di buoni propositi. Perchè? Perchè c'ho l'ansia.

Dunque ho deciso:
Procedero' secondo il metodo piu' infallibile del pianeta. 
La legge del CAOS

Basta progettare, fare cose, vedere gente, costruire.
Che palle. Vado random vediamo che accade.
C'è qualcosa di piu' importante dietro tutto questo progettare a vuoto: vivere la mia vita.

6 commenti:

Girandola Precaria ha detto...

Ciao, non ti conoscevo, son capitata qua per caso dal blog di polly che ha sempre ottimi gusti in fatto di colleghi di web :)
Stavo navigando un po' a caso e trovarti mi ha rincuorato.
Sono sul punto di essere lasciata a casa dal lavoro, ne cerco un altro, pensando intanto approfittarne per lanciarmi in una nuova avventura detta piano B.
E in tutto questo ho un piano C, rimandato da tempo, naturalmente incompatibile (per il momento) con i piani A e B.
A volte in fibrillazione, stamane invece depressa per la varietà di ipotesi e l'incertezza.
Poi ho trovato te... proprio in questo momento di dubbi. Mi riconosco e mi sento meglio.
Grazie!

sononera ha detto...

Mamma mia, che bello sentire che non sono l'unica. C'è grosso crisi, ma la precarietà è un male comune di questi tempi. Forse bisogna solo parlarne, e stringersi. un in bocca al lupo per i piani A B e C che mi auguro si realizzeranno tutti !:-)

Serena [verdepomodoro] ha detto...

ANCH'IO! sto facendo la lista.... ma la mia è piu semplice.... comunque la legge del caos è l'unica infallibilw, concordo!

ero Lucy ha detto...

Bentornata. Mi piacciono le liste, sanno di iniziativa e voglia di cambiamento. Siccome sono certa che il tuo progetto di perdere peso troverebbe realizzazione gia' da solo con la terapia, vorrei dirti metti quella al secondo posto, ma so anche che non e' facile trovare un terapeuta adatto e bisogna essere davvero molto motivati al cambiamento, quindi mi sentirei di darti un consiglio contrario, cioe' una nutrizionista con approccio psi. Se vuoi scrivimi e ti do' un contatto che ha funzionato. E non la conosco personalmente, percio' manco a dire che lo faccio per interesse :) ma mi fido di chi e' stato da lei.

Girandola Precaria ha detto...

Ciao, ho trovato un testo su internet che non si se è spam o la mia nuova filosofia di vita... Vorrei condividerlo con te ma non via commento che magari poi è spam e mi vergogno o_O
Ma tu non ce l'hai una mail?
Scrivimi se ti va

Anonimo ha detto...

Ciao cara, la legge del CAOS mi sembra un'ottima scelta.. io l'ho applicata da tempo alla mia vita e ti devo dire che dopo una cosa tipo 4 anni di buio.. ora pian pianino sto iniziando a vedere una luce.. in bocca al lupo..
PS l'hai letta questa sulla mia pagina fb?
"C'è una crepa in ogni cosa. Ed è da lì che entra la luce." L. Cohen

baci
e.