10 settembre 2015

GENERATORE AUTOMATICO DI POST INUTILI ALL'UMANITA'


E' dal 20 agosto che produco pezzi scritti insulsi e incompleti e mi rifiuto di pubblicarli.
Ho alla fine dei conti creato una pila di bozze alta venti piani, senza capo nè coda, e sono perfino arrivata a cancellare, senza accorgermi di nulla, l'unico misero post pubblicato in agosto, che aveva trovato faticosamente la luce, dove vi parlavo del mio viaggio imminente ad occidente.
Ma quella è una altra storia, quella è un'altra bozza di post.

E' che scrivere per una persona che ama scrivere e ama soprattutto leggere cose belle non è semplice.

Scrivere inutilità non mi pare il caso, diciamoci la verità. 
Non scrivere piu' sul blog perchè ci si dichiara pigri è davvero un peccato.
La verità è che sono totalmente lobotomizzata dai social e dagli smartphone.
E lo è la maggior parte di noi.
Telefoni con cui facciamo tutto tranne che telefonare.
Conta calorie, pedometro, lista della spesa, video montaggi, catalogazioni, riconoscimento di canzoni,  meteo, ricerche su internet, prenota ristoranti, carta da culo. (vabbè, non esageriamo)

Ma voi non vi sentite profondamente scemi a stare sempre con quel coso in mano?
 Ci hanno fottuto il cervello, è la pura verità.

Questo favoloso preambolo per dirvi che nonostante tutto continuo ad avere bisogno di questo spazio, ho bisogno di scrivere cose che siano mie, partorite dal mio cervello, riflessioni senza capo ne' coda ma ragionate, sudate, pensate.
Che fortuna che ha chi passa di qui.

Allora, chiedetemi un po', che sto facendo in questo periodo, come me  la passo?
Ecco, diciamo che faccio questo.
Godo per l'imminente fine dell'estate.
Godo per il fatto di non dover sudare come un bufalo africano durante la traversata del fiume, mentre vado a passeggio per Roma, godo di poter finalmente coprire le braccia e tutto il resto con vestiti ancora leggeri che lasciano molto all'immaginazione, godo dei colori meno forti, dei sapori di inizio autunno, del potere salvifico che hanno avuto le ferie e il riposo sul mio cervello.

Soprattutto godo delle illusioni, che bussano ad ogni settembre alla mia porta, godo di quella dolcezza mista a malinconia che mi fa dire "ce la faro'" .

Ce la farò a perdere peso definitivamente.
Ce la faro' a trovare la casa dei miei sogni.
Ce la faro' ad essere maggiormente organizzata.
Ce la farò a tenere pulita e in ordine la mia casa.
Ce la faro' a fare della sana attività sportiva di moderata intensità che mi ricordi che anche io possiedo dei muscoli
Ce la faro' a riprodurmi
Ce la faro' a non far morire tutte le piante che entrano a contatto con me.
Ce la farò a riprendere lo studio della chitarra classica
Ce la farò a leggere almeno duecento libri entro fine anno.
Ce la faro' ad ascoltare musica e vedere film di qualità.
Ce la faro' a modificare il mio look e a vestirmi in maniera elegante e abbinata.
Ce la farò a fare i regali di Natale entro fine ottobre
Ce la faro' a spendere in maniera oculata i miei soldi
Ce la faro' a non litigare per futili motivi.
Ce la faro' ad essere felice ogni minuto della mia esistenza.

Invece poi non ce la faccio mai, fino al prossimo settembre.

E' che gli adulti a settembre non iniziano la scuola, dove si imparano tante cose.
Gli adulti a settembre iniziano un' attività che si chiama: disimparare.
Disimparano il realismo soprattutto. Ci sperano sempre.
Io ci spero. Voi?

6 commenti:

ioticerco ha detto...

Ciao,
avevo visto che hai cancellato il post e mi è dispiaciuto perché era, comunque, frutto del tuo pensiero e del tuo stato d'animo. E certamente non era un post inutile, come d'altronde non lo è nessuno dei tuoi post. Ma giustamente il blog è il tuo, è il tuo spazio, e sei tu a decidere cosa e quando scrivere. E nessuno può interferire.

Io non so se ce la farò ma, come dire, rubo la frase "io speriamo che me la cavo".

Susibita ha detto...

sono sicura che ce la farai.
Io per non tirarmi la zappa sui piedi modero le mie velleità.
Tipo: lavorerò meno? no, lavorerò meglio. Mi farò pagare di più? eh, sarebbe una buona idea.
Manderò a cagare chi di dovere? no, ma lo ignorerò il più possibile. A partire da stamattina, ad esempio, che c'ho il pensiero fisso di una discussione cretina che dovrei lasciarmi alle spalle.
Andrò in palestra? no, ma forse qualche volta in piscina.
Comprerò i regali di Natale prima di Dicembre?
Seeeeeeeeeee.

In bocca al lupo, e un abbraccio.


Susibita

Lagattallardo ha detto...

Grazie ragazze mie, per esserci e per leggere, Io vi leggo, e so di voi sempre.

Ps: invece io sta cosa dei regali di NATALE FATTI CON LARGO ANTICIPO LA DEVO FARE, voglio sapere cosa si prova ad essere una persona organizzata!

MichiVolo ha detto...

Ben tornata cara!
Vorremmo farcela in tante cose...il segreto sai qual è? Metterci un DEVO, che sceme non siamo, quindi possiamo farcela benissimo. :-)

Pietro Sabatelli ha detto...

L'importante è provarci ;)

Chiara ha detto...

Che settembre sia il vero gennaio è assodato, e in quanto tale è giusto fare dei propositi, almeno per darci dei piccoli obiettivi che diano un perché alla ripresa del nostro lavoro :D!
Per quanto riguarda i regali di Natale poi ti capisco tantissimo, anche perché a volte mi capita di prenderli nei mesi più disparati (ad esempio, quando trovo qualcosa che sono certa piacerà al ricevente con particolari sconti o occasioni, o se si tratta di edizioni limitate).
Però sii meno severa con te stessa: lo dico con cognizione di causa, sei bellissima!