17 novembre 2015

DALL'ALTRA PARTE

"La morte non è niente, sono solo passato dall'altra parte" 

La verità?
La verità è che ci andiamo noi che restiamo, dall'altra parte.
La verità è che non si torna indietro, da questa parte qua.
Sei in un mondo diverso.

E' molto comune non sentirsi capiti, dall'altra parte.
Ti senti capita solo da te stessa.

Le regole dall'altra parte sono:
Non chiedersi MAI, PROPRIO MAI, perchè a me, perchè a noi.
Non prendere MAI le medicine se non strettamente necessario.
Ricominciare a vivere, costi quel che costi.
Cercare aiuto.
Non stupirsi di un sentimento chiamato invidia per le persone che ti circondano.
Non stupirsi se ti viene voglia di far chiudere il becco alla maggior parte delle persone che ti circondano.
Non illudersi durante le brevi fasi maniache in cui la forza torna e senti di poter superare ogni cosa, e senti che la vita è comunque meravigliosa, perchè appunto, è solo una becera illusione.
Non pretendere che tutti capiscano il tuo dolore, perchè molti non capiranno.
Non pretendere che siano tutti a tua disposizione, il dolore vero è una cosa molto grande,
richiede esseri umani speciali.
(Lo si dice all'inizio ti staro' vicino. Poi no, poi ognuno torna alla sua vita, ed è giusto che sia così)
Se si ha la fortuna di avere una vita bella, come ce l'avevo io, aggrapparsi a quella,
anche se è diventata l'inferno.
Non chiedersi MAI, PROPRIO MAI, perchè a me, perchè a noi. (l'ho già detto vero?).

Sapete, nel dolore si è soli, ed è giusto così. 
Non si sarà se la vita vuole soli per sempre, ma ora è il momento di fare i conti con se' stessi,
e di fare pace con il proprio cuore. 
C'è bisogno di essere forti, per carità, ma c'è bisogno soprattutto di accogliere la propria fragilità, senza sentirsi perdenti.
Il problema è questo. E' quella domanda. Come ti è andata nella vita.

Io per ora posso solo rispondere: Hello from the other side.