7 novembre 2016

QUELLO CHE SERVE

L'invidia, soprattutto quella per la vita di PRIMA non serve;
La gelosia per chi ha una famiglia normale, non serve;
Il rimpianto per chi non c'è piu', non serve;
Mangiare chili di biscotti pensando di colmare il vuoto, non serve;
Non andare al cimitero, non serve;
L'isolamento, non serve;
Pensare agli amici che hanno scelto di non starti accanto, non serve;

Riuscire a stare nel dolore, serve.
Essere molto incazzati, serve
Servono le fusa dei gatti.
Avere una madre come la mia, una sorellastra come la mia, una nipote come la mia, serve;
Un marito straordinario come il mio, serve;
Londra, serve;
Serve una casa accogliente. Serve un morbidissimo piumone;
Il trucco e la cura della propria bellezza, della giovinezza, della femminilità, servono;
Serve la compagnia delle persone, quelle giuste.
Serve cantare, se una canzone ti prende
Serve soprattutto, la musica










3 commenti:

Susibita ha detto...

A me serve anche un bosco vicino, perdermi nel verde.
Qualcuno che mi rassicuri quando vengo presa dai trip, serve.
Scrivere sul blog, serve.
Avere fiducia, nonostante tutto, serve.
Crederci, ma con un sano sticazzi di tanto in tanto, serve.
La ceretta, purtroppo, serve sempre.

Susibita

Lagattallardo ha detto...

susi <3

Anonimo ha detto...

A me serve seguire un binario facile, finchè non riesco a volare con le mie ali, fare un passo dopo l'altro senza chiedermi se la direzione mi porterà da qualche parte, ma soltanto per non perdere altra me, in attesa che sorgerà di nuovo il sole e riuscirò a ricordarmi dove voglio andare e se qualche volta non riesco nemmeno a fare quello serve che il giorno dopo sia abbastanza generosa da perdonarmi.
Quello che non serve è pensare a come poteva essere....non è stato.
Sofia