23 gennaio 2017

SE ALMENO FOSSI MAGRA

Prima di settembre 2015 ero quasi sulla soglia dell'obesità. Una felice donna di 36 anni in sovrappeso che buttava soldi e sudore in nutrizionista e camminate senza alcun risultato degno di nota.
Dopo i 77 chili raggiunti con fatica e sudore nel 2013, la scelta di smettere di fumare le aveva fatto riprendere una decina di chili, ma il periodo vitale e poderoso che ne era scaturito la aveva convinta che si' , meglio il culo a mongolfiera che i polmoni bucati.
Poi il trauma e le bombe atomiche sganciate dalla vita sulla mia vita mi hanno portata ad un dimagrimento forzato di 8-10 chili e ad una ripresa lenta ed inesorabile degli stessi nel giro di pochi mesi.
Sono ormai di nuovo un 'obesa di primo grado secondo le statistiche, e lo so che non si vede e lo so che sono figa e lo so che ci ho altro a cui pensare, ma questo blog è nato per questo, la gatta va ancora al lardo, per cui lo devo dire.
MI RODE ABBONDANTEMENTE IL CULO.
La cosa fa ridere, lo so, ho altro a cui pensare.
Pero' sappiate che:
la mente malata di una donna malata di obesità se pur lieve,
VUOLE PERDERE PESO IN OGNI CASO,
 nonostante i megacazzi della propria esistenza.

La mente malata afferma:

SE ALMENO FOSSI MAGRA.

Guardiamoci in faccia. Lotto con l'obesità e il sovrappeso e i sali scendi dall'adolescenza, la storia è nota, basta andare a ritroso nel blog.
Il problema non è il peso in se', il culo felliniano, il doversi vestire in
negozi calibrati ma non troppo, la pesantezza di gambe, il fatto di aver ricominciato l'allenamento con l'home fitness e di non vedere alcun risultato, perchè cazzo ti alleni a fare se comunque magni come un bovino all'ingrasso?
Non conta neanche aver cercato un minimo di equilibrio in questo mondo che è la mia vita parallela in cui si vive di morte senza prospettive, in cui si cerca di non buttarsi nell'autodistruzione perchè sai bene che sarebbe peggio.
MA.
Pensare positivo non serve a perdere peso.
Sono grassa, ed è un dato di fatto che dura da oltre quindici anni.
E io mi sarei scassata i coglioni di non essere anche solo una banale 46.
E' così difficile?

Io credo che tutto quello che ho cercato di fare con il cibo e per il cibo e intorno al cibo in questa mia vita è darmi la possibilità di perdere il controllo almeno in quel settore li.

E io ho bisogno di perdere il controllo.

La cosa davvero assurda è che parlare di questa minchiata del peso mi rende contenta.
Sono contenta perchè mi interessa perdere peso, mi interessa soffrire perchè sono brutta e grassa,
mi interessa essere incazzata con lo specchio. 
E mi interessa perchè quella sono di nuovo profondamente io.

NUDO ALLO SPECCHIO - BOTERO

2 commenti:

Velma ha detto...

Perdi il controllo e ricomincia a fumare, allora.
Poi magari smetti di nuovo, peró.

Lagattallardo ha detto...

Ho promesso a mamma che ricomincio dopo i settanta, essendo io l unica altra superstite della famiglia direi che glielo devo.