8 dicembre 2017

MO CE RIPIGLIAMM TUTT' CHELL CHE E' 'O NUOST'

Mi riprendo la mia città, i vicoli profumati e luminosi, la grande bellezza del sabato mattina, la cultura, la storia dell'uomo.
Mi riprendo la speranza e la mancanza di vergogna.
Mi riprendo l'alba, l'acqua fresca sul viso,il profumo di caffè, il ricominciare ogni giorno.
Mi riprendo le camicie di mio padre che profumano di colonia francese, la sua voce, il suo dire sei bellissima, ma un po' grassa, la sua oscurità, la sua luce.
Soprattutto mi riprendo mia sorella, , perchè mi è sfuggita dal cuore per due anni, e no, non se ne era mai andata, semplicemente ero io che non l'ho mai cercata per spirito di sopravvivenza, per paura di essere felice dentro i nostri ricordi. Ora, amore mio, corro da te, perchè tu sei mia, finché avrò fiato.
Mi riprendo il mio paese, le mie origini, la mia terra, il mio grande dolore. 
Mi è mancato talmente da non riconoscerlo piu'.
Mi riprendo il qui e ora, in un mondo che ti chiede di avere grandi progetti per valere qualcosa, invece il qui e ora, nella gioia e nel dolore, è l'unica cosa che abbiamo.
Mi riprendo il fare, allo stesso tempo, perchè il fare e il lavorare sono la essenza stessa della assoluta libertà.
Mi riprendo il diritto di sentirmi una persona felice, fortunata, a tratti meravigliosa.
Mi riprendo il mio corpo, lo prometto, questo corpo martoriato causa attacchi di fame incontrollabili io, me lo vado a riprendere.
Sotto questo corpo gonfio, infelice e disagiato, ci sono io. 
Mi riprendo il piacere di piangere di gioia, per un ricordo, un film, perchè sono ancora viva.
Mi riprendo l'onestà di dichiarare l'invidia e la frustrazione per coloro che hanno una famiglia alle spalle , una casa, dei figli. Sì, li invidio, sì vorrei alle volte che fossero colpiti da una meteora, sì ho tanta rabbia.
Mi riprendo il diritto di essere incazzata nera.
Mi riprendo il mio compagno di vita, che è gioia pura e vero amore.
Mi riprendo il diritto di andare in analisi perché c'è qualcosa da imparare, se sei in analisi con la persona giusta.
Mi riprendo il diritto di non sentirmi una persona sfigata. Oh poverina quella là, non lo accettero' piu'. Questa è la mia vita. Questa è la mia storia.
Mi riprendo i sogni e il futuro, a cui credo molto poco, ma che bello sognare, alle volte.
Mi riprendo Londra. (presto, lo prometto).
Mi riprendo questo viaggio che sto facendo senza viaggiare.

Quest'anno, più di ogni cosa,  mi riprendo il Natale.
Non manca nulla.

Nessun commento: